29.4 C
Milano
sabato 2 Luglio 2022

Ucraina, commercialisti: prudenza in riduzione di capitale

Roma – Dal documento “Decreto Milleproroghe e disposizioni temporanee in materia di riduzione di capitale”, redatto dal Consiglio e dalla Fondazione nazionali dei commercialisti, appena realizzato, affiorano alcune valutazioni che riguardano anche l’attuale crisi russo-ucraina: secondo i professionisti, “nella stagione pandemica e dell’emergenza sanitaria la nuova disposizione può rappresentare un’opportunità per le società che presentino perdite nuove, rispetto a quelle emerse nell’esercizio in corso al 31 dicembre 2020.

Tali nuove perdite, considerate le difficoltà correlate alla pandemia, potrebbero essere fisiologiche qualora la società, nell’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2020, abbia iniziato percorsi volti al recupero della redditività”, si legge in una nota.

Inoltre, va avanti il testo, dai commercialisti “arriva anche un allarme sulle ricadute del difficile momento economico e della guerra in Ucraina, che potrebbero manifestarsi in tutta la loro gravità a causa delle interruzioni della attività per le sanzioni economiche adottate, ovvero a causa delle restrizioni inflitte e dei rincari delle materie prime provenienti dalla Russia. Pur trattandosi di situazioni connotate da elevata instabilità economica, in cui la pianificazione di azioni future è condizionata da eventi del tutto imprevedibili – si precisa – sarà opportuno adottare atteggiamenti improntati al massimo livello di prudenza e scetticismo professionale da parte degli amministratori e da parte degli organi di controllo”.

Latest News