24.8 C
Milano
lunedì 8 Agosto 2022

Twitter, trimestrale sotto le attese: colpa di Musk e della pubblicità

New York – Twitter ha registrato ricavi pari a 1,18 miliardi di dollari nel secondo trimestre 2022, in diminuzione dell’1% anno su anno o in aumento del 2% in valuta costante, una performance che la società afferma riflettere “i venti contrari del settore pubblicitario associati all’ambiente macroeconomico, nonché l’incertezza relativa all’acquisizione in sospeso di Twitter da parte di Elon Musk”. I ricavi pubblicitari sono stati pari a 1,08 miliardi di dollari, con un aumento del 2% o del 6% a valuta costante. Gli abbonamenti e le altre entrate hanno totalizzato 101 milioni di dollari, con un calo del 27% anno su anno o un aumento del 7% escludendo MoPub dai conti di un anno fa.

Le attese degli analisti, secondo i dati Refinitiv, erano per ricavi pari a 1,32 miliardi di dollari. I costi e le spese sono ammontati a 1,52 miliardi di dollari, con un aumento del 31% anno su anno. I costi relativi all’acquisizione in sospeso di Twitter sono stati di circa 33 milioni di dollari nel secondo trimestre. I costi relativi al trattamento di fine rapporto sono stati di circa 19 milioni di dollari nel secondo trimestre. La perdita netta è stata di 270 milioni di dollari, che rappresenta un margine netto del -23% e un EPS diluito di -0,35 dollari.

Ciò si confronta con un utile netto di 66 milioni di dollari, un margine netto del 6% e un EPS diluito di 0,08 dollari nello stesso periodo dell’anno scorso. L’utile per azione Adjusted è stato di -0,08 dollari, contro attese per 0,14 dollari. L’utilizzo attivo giornaliero monetizzabile (mDAU) medio del secondo trimestre è stato di 237,8 milioni, in aumento del 16,6% rispetto al secondo trimestre dell’anno precedente. L’aumento è stato guidato dai continui miglioramenti del prodotto e dal dialogo globale sugli eventi attuali.

Latest News