1.7 C
Milano
sabato 28 Gennaio 2023

S&P, allarme pressione sul credito globale: l’outlook 2023

Milano – Al termine di un anno in cui il Covid, la guerra in Europa e la relativa crisi energetica, e la forte inflazione hanno turbato i mercati e rallentato l’economia globale, i primi segnali di allentamento di alcune di queste pressioni fanno sperare che le condizioni del credito possano stabilizzarsi nel secondo semestre del 2023. Ma trovare una via d’uscita alle tensioni che gravano sul credito lascia poco margine di errore, secondo l’outlook per il Credito Globale 2023 di S&P Global Ratings. “Nel breve termine, prevediamo un’intensificazione delle pressioni sul credito, con un ordine mondiale sempre più frammentato e fragile – ha affermato Alexandra Dimitrijevic, Global Head of Analytical Research and Development di S&P Global Ratings – I settori che dipendono dalla spesa discrezionale, come i beni di consumo e la vendita al dettaglio, i settori ad alta intensità energetica come i prodotti chimici e i settori sensibili ai tassi come l’edilizia abitativa, probabilmente ne soffriranno di più. Altri, come le materie prime e i produttori di energia, stanno beneficiando dell’attuale contesto”.

S&P prevede che i tassi di insolvenza delle imprese di grado speculativo negli Stati Uniti e in Europa raddoppieranno. Le principali banche centrali continuano a essere rigide per contrastare l’inflazione, mentre i governi dispongono di sempre meno strumenti fiscali avendo accumulato debito durante la pandemia. Molti emittenti hanno accumulato un margine sufficiente durante il lungo periodo di condizioni di finanziamento favorevoli per superare il periodo di crisi – almeno per qualche tempo – sostenendo la qualità del credito in molti settori. Tuttavia, i rating sono più bassi rispetto a prima della pandemia e i livelli di indebitamento sono più elevati, con il 29% delle società non finanziarie con rating “B-” o inferiore.

I rischi per lo scenario di base di S&P rimangono decisamente al ribasso, a causa di una situazione geopolitica sempre più frammentata e fragile. L’inasprimento delle condizioni di finanziamento sulla scia di un’inflazione radicata, una recessione più profonda e più lunga del previsto e una persistente inflazione dei costi dei fattori di produzione potrebbero comprimere ulteriormente i margini delle imprese e i bilanci pubblici, portando a un più netto deterioramento del credito. “La grande mancanza nell’identificare correttamente l’incipiente pressione inflazionistica dello scorso anno come persistente implica che i politici sbaglieranno dal lato di fare troppo piuttosto che troppo poco – ha affermato Paul Gruenwald, capo economista di S&P Global – Di conseguenza, la finestra per un atterraggio morbido e non recessivo si sta chiudendo rapidamente; è molto probabile che si verifichi un rallentamento significativo”.

Latest News