23.7 C
Milano
domenica 3 Luglio 2022

Paura stagflazione: Wall Street a picco, cali in Europa, spread sfiora 200 punti

New York – Wall Street affonda con il riemergere della paura di una stagflazione. Il rally innescato mercoledì dalla Fed si dimostra di breve durata con gli investitori che, digerito l’annuncio del rialzo dei tassi, temono che la banca centrale americana incontri difficoltà nella sua lotta all’inflazione in uno scenario di rallentamento economico, in cui il rischio recessione si fa più pressante.

Il tonfo di Wall Street è accompagnato da cali più contenuti per le borse europee, che risentono anche del rialzo dei tassi da parte della Bank of England, il quarto consecutivo. La banca centrale britannica ha messo in guardia sul rischio recessione prevedendo allo stesso tempo una voltata dei prezzi, con l’inflazione che potrebbe superare il 10%. I rendimenti dei Treasury a 10 anni volano al 3,09%, al livello più alto dal 2018. Il balzo è legato all’ondata di vendite che è scatenata dopo la Fed.

Ha chiuso in rialzo a 199,5 punti il differenziale tra Btp italiani e Bund decennali tedeschi, riportanmdosi praticamente sul livello dell’apertura odierna. Il tendimento annuo dei titoli italiani è salito di 8,3 punti al 3,036%. Piazza Affari ha chiuso la seduta in calo. L’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,6% a 23.759 punti

Latest News