8.8 C
Milano
sabato 26 Novembre 2022

M&A, Unicredit: mercato volatile, meno fusioni e più valore da generare all’interno

Milano – Oggi fare fusioni bancarie in Europa è particolarmente difficile, sia per il deterioramento del quadro economico, sia per i limiti imposti dalla regolamentazione. Lo ha spiegato Andrea Orcel, amministratore delegato di Unicredit, frenando frena sul risiko bancario e sulla prospettiva di crescita esterna. “Unicredit e le acquisizioni? C’è moltissimo più valore da generare al nostro interno che facendo acquisizioni. Per Unicredit – ha detto Orcel durante il congresso Uilca – il tema è abbastanza semplice: quando mi hanno nominato amministratore delegato la nostra capitalizzazione di Borsa era 17 miliardi. E noi quotavamo quasi a 20-25% del valore del nostro capitale, quindi di libro”.

“Noi abbiamo moltissimo più valore da generare al nostro interno che facendo acquisizioni – ha affermato -. Cioè non siamo al punto dove siamo talmente efficienti, talmente efficaci e la banca sta funzionando talmente bene che per creare più valore devo aggregare. Sono ancora molto lontano da quello, malgrado i progressi che abbiamo fatto tutti insieme. Quindi prima di deragliare o di ritardare o di mettere a rischio la nostra trasformazione con qualunque operazione ci pensiamo molto. Non dico che la stagione sia tramontata o meno, ma ci sono fattori importanti da considerare – ha aggiunto il top manager -. Da un lato in Europa oggi c’è incertezza e volatilità molto elevata che rendono difficili le operazioni straordinarie. Dall’altro lato ci sono considerazioni regolamentari che rappresentano un ostacolo”.

Latest News