22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

John Paulson, la leggenda degli hedge fund, si scaglia contro crypto e SPAC

Da quando John Paulson ha scommesso contro il mercato immobiliare statunitense più di dieci anni fa, gli investitori sono curiosi di sapere quale potrebbe essere la prossima mossa d’affari.

Il miliardario non ha trovato nulla per competere con il suo enorme short, ma è difficile superare i 20 miliardi di dollari che Paulson ha guadagnato quando le obbligazioni dei mutui subprime sono crollate e hanno innescato la peggiore crisi finanziaria dalla Grande Depressione.

Ora, però, più di 14 anni dopo che CDO e credit default swap hanno dominato l’attenzione di tutti, Paulson sta nuovamente vedendo segni di eccessiva speculazione.

Paulson, 65 anni, è sempre più preoccupato per l’aumento dei prezzi, ha dichiarato in un episodio di “Bloomberg Wealth with David Rubenstein”. L’offerta di moneta in rapida espansione potrebbe spingere i tassi di inflazione ben al di sopra delle aspettative attuali, ha detto, e l’oro, che ha sostenuto per anni, è pronto per il suo momento.

Ma le parole più dure sono state riservate per gli investimenti più in auge in questo momento. Secondo manager di hedge fund miliardario, le SPAC “saranno una proposta perdente” in linea generale, mentre le criptovalute sono una bolla che “alla fine si rivelerà senza valore”.

“Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute”, ha detto Paulson a Bloomberg TV.

“Direi che le criptovalute sono una bolla. Li descriverei come una fornitura limitata di nulla. Quindi, nella misura in cui c’è più domanda rispetto all’offerta limitata, il prezzo salirebbe. Ma nella misura in cui la domanda diminuisce, il prezzo scenderà. Non c’è alcun valore intrinseco a nessuna delle criptovalute e indipendentemente da dove vengono scambiate oggi, alla fine si dimostreranno inutili. Una volta che l’esuberanza svanirà, o la liquidità si esaurirà, andranno a zero. Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute”. Secondo Paulson, non avrebbe senso neanche shortarle, perché “il problema delle monete digitali risiede nella loro volatilità”.

Da quando John Paulson ha scommesso contro il mercato immobiliare statunitense più di dieci anni fa, gli investitori sono curiosi di sapere quale potrebbe essere la prossima mossa d’affari.

Il miliardario non ha trovato nulla per competere con il suo enorme short, ma è difficile superare i 20 miliardi di dollari che Paulson ha guadagnato quando le obbligazioni dei mutui subprime sono crollate e hanno innescato la peggiore crisi finanziaria dalla Grande Depressione.

Ora, però, più di 14 anni dopo che CDO e credit default swap hanno dominato l’attenzione di tutti, Paulson sta nuovamente vedendo segni di eccessiva speculazione.

Paulson, 65 anni, è sempre più preoccupato per l’aumento dei prezzi, ha dichiarato in un episodio di “Bloomberg Wealth with David Rubenstein”. L’offerta di moneta in rapida espansione potrebbe spingere i tassi di inflazione ben al di sopra delle aspettative attuali, ha detto, e l’oro, che ha sostenuto per anni, è pronto per il suo momento.

Ma le parole più dure sono state riservate per gli investimenti più in auge in questo momento. Secondo manager di hedge fund miliardario, le SPAC “saranno una proposta perdente” in linea generale, mentre le criptovalute sono una bolla che “alla fine si rivelerà senza valore”.

“Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute”, ha detto Paulson a Bloomberg TV.

“Direi che le criptovalute sono una bolla. Li descriverei come una fornitura limitata di nulla. Quindi, nella misura in cui c’è più domanda rispetto all’offerta limitata, il prezzo salirebbe. Ma nella misura in cui la domanda diminuisce, il prezzo scenderà. Non c’è alcun valore intrinseco a nessuna delle criptovalute e indipendentemente da dove vengono scambiate oggi, alla fine si dimostreranno inutili. Una volta che l’esuberanza svanirà, o la liquidità si esaurirà, andranno a zero. Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute”. Secondo Paulson, non avrebbe senso neanche shortarle, perché “il problema delle monete digitali risiede nella loro volatilità”.

Latest News

I più letti