17.4 C
Milano
venerdì 7 Ottobre 2022

IBAN-Innexta, il crowdfunding dei business angels per le imprese italiane

Milano – È stato siglato lo scorso 8 giugno un protocollo d’intesa tra IBAN e Innexta scrl per promuovere e realizzare iniziative congiunte finalizzate a supportare le strategie di crescita delle imprese italiane e a favorire la diffusione di nuove ed efficienti forme di finanziamento complementari al credito legate, in particolare, al crowdfunding. L’accordo raggiunto tra IBAN e Innexta prevede la creazione di percorsi di accompagnamento strutturati per le imprese che vogliano realizzare raccolte di capitali online e la condivisione di strumenti e procedure di scouting, assistenza, valutazione e matching a favore di aziende e start up con progetti ad alto potenziale di crescita. I firmatari, inoltre, metteranno reciprocamente a disposizione competenze, expertises, network operativi e istituzionali per contribuire a diffondere la finanza innovativa tra le imprese e per favorire la nascita e il consolidamento di nuovi gruppi di investitori informali anche in aree meno presidiate dai business angels.

Nel corso degli ultimi anni si è registrato un significativo incremento dei volumi di capitali convogliati alle imprese tramite le piattaforme Fintech, con una crescita tra il 2021 e il 2020 pari al 42%. Particolarmente incoraggiante è stato il trend dell’equity crowdfunding, la cui raccolta è passata dai 66 milioni del 2019 agli oltre 170 milioni del 2021, con un incremento del 160%. È, d’altra parte, evidente che l’equity crowdfunding risente ancora di alcune debolezze tipiche della fase di startup del mercato: 1) è uno strumento ancora in larga parte limitato all’ecosistema delle start up innovative, nonostante la normativa ne abbia estesa la fruibilità a tutto il tessuto delle mPMI; 2) la platea degli investitori, soprattutto retail, evidenzia ancora una limitata confidenza co nquesto mercato, come dimostra il fatto che il 78% di essi ha effettuato un solo investimento; 3) il mercato si caratterizza ancora per una scarsa liquidità, legata anche all’assenza di un mercato secondario regolamentato per lo scambio delle quote, che non ha finora trovato nelle “bacheche” predisposte dai portali una valida alternativa.

Ciononostante, l’equity crowdfunding racchiude in sé grandi potenzialità di sviluppo, potendosi proporre come: 1) valida alternativa al credito per le imprese di minori dimensioni e per le start up, sempre più in difficoltà nell’accesso ai finanziamenti bancari; 2) importante palestra per preparare le imprese a operare con agilità sui mercati finanziari e potenziale trampolino di lancio per successive quotazioni sui mercati di borsa europei; 3) efficace strumento di promozione presso la business community, che può conoscere e apprezzare casi imprenditoriali di eccellenza altrimenti al di fuori dei propri radar; 4) utile canale di networking per le imprese, anche in un’ottica di open innovation.
I business angels hanno assunto, nel corso degli ultimi anni, un peso sempre più rilevante nel supportare la nascita e la crescita delle start up e nel favorire lo sviluppo dell’equity crowdfunding.

La survey annuale pubblicata da IBAN nel mese di maggio ha messo in evidenza che nel 2021 i business angel italiani hanno partecipato – in autonomia, in syndication con i fondi di VC e attraverso campagne di equity crowdfunding – ad operazioni di investimento per un totale di 935 mln, importo più che raddoppiato rispetto ai 402,5 milioni del 2020, mentre la cifra che hanno investito in autonomia nelle startup italiane è stata di 91 mln, con un balzo del +78% rispetto al 2020. Se nel 2019 le operazioni dei business angel attraverso il Crowdfunding ammontavano a 1,3 milioni di euro complessivamente stanziati attraverso 27 operazioni, il 2020 evidenziava una fortissima espansione di questo settore con 26,5 milioni di euro investiti per un totale di 101 operazioni effettuate. Grazie al supporto dell’Osservatorio Crowd-Investing coordinato dal Prof. Giancarlo Giudici (Politecnico di Milano), la Survey IBAN 2021 illustra il numero e l’ammontare degli investimenti che i soli business angel hanno effettuato attraverso piattaforme di Crowdfunding considerando utenti che hanno investito almeno 5mila euro in un solo investimento o un minimo di 1.000 in tre.Il 2021 da questo punto di vista consolida ed espande ulteriormente il canale del Crowdfunding come mezzo per il finanziamento di startup da parte dei business angel, con 32,5 milioni di euro investiti in 124 operazioni.

Il 55% delle imprese totali finanziate da soli business angel nel 2021 sono state supportate attraverso piattaforme di Crowdfunding, a evidenza dell’attrattività del mezzocome canale di ricerca delle possibilità di investimento e come tecnica di sindacazione per gli investimenti. Secondo Paolo Anselmo, Presidente di IBAN: “Il 2021 consolida ed espande ulteriormente il canale del Crowdfunding come mezzo per il finanziamento di startup da parte dei business angel, con 32,5 milioni di euro investiti in 124 operazioni. Il 55% delle imprese totali finanziate da soli business angel nel 2021 sono state supportate attraverso piattaforme di Crowdfunding, a evidenza dell’attrattività del mezzo come canale di ricerca delle possibilità di investimento e come tecnica di sindacazione per gli investimenti. Grazie al protocollo siglato con Innexta i business angel italiani avranno nuove e inedite opportunità per incontrare startup e PMI innovative e utilizzare il crowdfunding come strumento di finanziamento per supportare e sostenere nuovi progetti di business”

Strumento di raccordo per le attività previste dal Protocollo sarà Finnexta, la nuova piattaforma di equity crowdfunding lanciata da Innexta col supporto del sistema camerale. Una piattaforma che sarà a disposizione degli operatori di mercato e degli stakeholders locali per facilitare l’incontro tra start up e PMI, da un lato, e investitori, dall’altro. La nuova piattaforma si inserisce nel solco delle numerose iniziative che Innexta ha lanciato nel corso degli ultimi anni per promuovere la crescita del Fintech e diffondere tra le imprese la conoscenza dei nuovi strumenti di finanziamento. Si possono citare, al riguardo, esempi quali: il Crowdinvesting Hub, dove sono consultabili le schede e le statistiche relative a tutte le campagne di crowdfunding in corso o chiuse con successo a partire dal 2014; il Fintech Digital Index, dove sono raccolte le informazioni su tutte le principali start up Fintech italiane; l’Alt-Finance Day, dove si presenta il rapporto annuale sulla finanza alternativa realizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano.

L’obiettivo è contribuire alla diffusione del Fintech raggiungendo quella vasta platea di imprese che, pur avendo le potenzialità e i requisiti per accedervi con successo, non si sono ancora avvicinate agli strumenti di finanziamento più innovativi. Ponendosi al di sopra delle logiche strettamente concorrenziali, il progetto intende mettere a sistema le expertises che i diversi attori istituzionali e di mercato hanno maturato nei processi di scouting, di reclutamento e di accompagnamento delle imprese, predisponendo percorsi strutturati che facilitino l’avvicinamento degli imprenditori ai nuovi mercati finanziari. Secondo Giovanni Da Pozzo, Presidente di Innexta, la piattaforma di crowdfunding rappresenta un nuovo, importante, traguardo nel percorso intrapreso da Innexta per fornire servizi sempre più avanzati e strutturati alle imprese nell’ambito della finanza alternativa.

“Finnexta si inserisce in un filone di attività – afferma il Presidente – che intende offrire alle imprese un’ampia gamma di servizi digitali, per acquisire familiarità non solo con i nuovi strumenti finanziari ma anche con i tanti nuovi adempimenti previsti dalla normativa europea. Pensiamo agli ESG, agli adeguati assetti organizzativi, alla prevenzione del sovra-indebitamento. In tutti questi ambiti, stiamo sviluppando, con il sistema camerale, servizi di affiancamento alle imprese per accompagnarle in questa impegnativa fase di transizione”. Chi fosse interessato ad aderire al network istituzionale e operativo che sta nascendo intorno a Finnexta, contribuendo ad apportare il proprio contributo di proposte e di esperienze per favorire il consolidamento dell’ecosistema Fintech, può presentare la propria manifestazione di interesse utilizzando i documenti disponibili a questo link: https://www.innexta.it/finnexta/

Latest News