0.7 C
Milano
giovedì, Gennaio 27, 2022

Germania, prezzi produzione in rialzo del 19,2%: aumento più alto dal 1951

In Germania, i prezzi alla produzione dei prodotti industriali sono aumentati del 19,2% a novembre 2021 rispetto a novembre 2020.

Come riporta anche l’Ufficio federale di statistica (Destatis), si tratta dell’aumento più alto dal novembre 1951 (+20,6%).

Rispetto al mese precedente, i prezzi alla produzione commerciale sono aumentati dello 0,8%. Il motivo principale dell’aumento dei prezzi commerciali alla produzione rispetto all’anno precedente è ancora l’andamento dei prezzi dell’energia.

Germania, forti aumenti dei prezzi per tutte le fonti di energia

prezzi dell’energia a novembre 2021 si sono attestati in media del 49,4% in più rispetto al mese scorso. Rispetto a ottobre 2021, questi prezzi sono aumentati dell’1,2%. Il gas naturale nella distribuzione (+83,4%) e l’energia elettrica (+48,0%) hanno avuto l’influenza maggiore sul tasso di variazione anno su anno dell’energia.

Al netto dell’energia, i prezzi alla produzione sono stati del 9,9% in più rispetto a novembre 2020 (+ 0,7% rispetto a ottobre 2021).

Prezzi produzione Germania,elevati rincari dei beni intermedi, in particolare per metalli, materie prime secondarie e legno

I beni intermedi hanno subito un rincaro del 19,1% rispetto all’anno precedente. Rispetto a ottobre 2021, questi prezzi sono aumentati dell’1,1%. I metalli hanno avuto la maggiore influenza sul tasso di variazione dei beni intermedi rispetto all’anno precedente con un incremento complessivo del 37,0%. Qui i prezzi della ghisa, dell’acciaio e delle ferroleghe sono aumentati del 54,4%, quindi un po’ meno forte che nei tre mesi precedenti. I metalli non ferrosi e i loro semilavorati costano in totale il 29,0% in più.

Gli aumenti di prezzo rispetto all’anno precedente sono stati particolarmente elevati per le materie prime secondarie (+79,1%), i materiali da imballaggio in legno (+73,7%) e i segati di conifere (+72,5%), anche se i loro prezzi sono diminuiti dell’8,5% rispetto al precedente mese. Anche i prezzi dei fertilizzanti e dei composti azotati hanno mostrato un forte aumento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente attestandosi a +43,4% (+12,4% rispetto a ottobre 2021). Carta e cartone costavano il 28,0% in più rispetto all’anno precedente e il cibo per gli animali da fattoria era il 25,2% più costoso. I prezzi delle materie prime chimiche sono aumentati del 24,7%, per le farine di cereali del 19,8%. 

Aumento dei prezzi dei beni di consumo dovuto principalmente all’aumento dei prezzi di oli e grassi

I prezzi dei beni di consumo sono aumentati del 3,7% a novembre 2021 rispetto a novembre 2020 e sono aumentati dello 0,6% rispetto a ottobre 2021. Il cibo è aumentato del 4,7%. I prezzi degli oli vegetali non trattati sono aumentati in modo particolarmente forte (+59,0%). Il burro costa il 37,3% in più rispetto all’anno precedente. Rispetto al solo ottobre 2021, questi prezzi sono aumentati del 19,5%. La carne di manzo costa il 17,5% in più rispetto a novembre 2020, i prodotti da forno erano il 3,9% in più rispetto all’anno precedente. Al contrario, la carne di maiale risulta più economica rispetto a novembre 2020 (-5,8%). 

I prezzi dei beni durevoli sono aumentati del 3,7% a novembre 2021 rispetto a un anno prima, grazie in particolare all’andamento dei prezzi dei mobili (+ 4,8%). I beni strumentali come macchine e veicoli costano il 3,6% in più. Particolarmente elevato è stato l’aumento dei prezzi rispetto a novembre 2020 per le strutture metalliche (+17,8%).

Latest News

Web TV