22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

George Soros, gli investimenti in Cina di BlackRock sono un “tragico errore”

All’imprenditore e filantropo miliardario George Soros, gli investimenti in Cina non piacciono al punto di definirli un “tragico errore”.

Nel mirino del suo editoriale apparso sul Wall Street Journa ci sarebbe la più grande società di asset management al mondo, BlackRock, la quale sta investendo miliardi di dollari in Cina.

“È probabile che i clienti di BlackRock perderanno denaro ma cosa più importante, verranno danneggiati gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie”, si legge nell’articolo. Per questo motivo “i manager di BlackRock devono essere consapevoli di “un’enorme crisi che si sta preparando nel mercato immobiliare cinese” aggiunge. La società di risparmio gestito non ha ancora risposto a una richiesta di commento da parte di Reuters.

Il mese scorso, BlackRock è diventato il primo asset manager estero a gestire un’attività di fondi comuni di investimento interamente controllata in Cina, attingendo al mercato dei fondi al dettaglio in rapida crescita da $ 3,6 trilioni. Ciò avviene anche dopo che il governo ha annullato un limite di proprietà straniera nel settore il 1° aprile 2020.

In realtà l’attacco è stato uno dei tanti che Soros ha scritto nelle ultime settimane per mettere in guardia contro legami economici più stretti con la Cina di Xi Jinping, che lui stesso ha definito come “il nemico più pericoloso delle società aperte nel mondo”.

Sebbene Soros rimanga un influente sostenitore del Partito Democratico del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, come sottolinea Bloomberg ormai non gestisce più denaro esterno ed è una voce minoritaria a Wall Street. BlackRock, Goldman Sachs e la maggior parte dei loro principali colleghi del settore finanziario hanno determinato che le opportunità in Cina superano i rischi.

All’imprenditore e filantropo miliardario George Soros, gli investimenti in Cina non piacciono al punto di definirli un “tragico errore”.

Nel mirino del suo editoriale apparso sul Wall Street Journa ci sarebbe la più grande società di asset management al mondo, BlackRock, la quale sta investendo miliardi di dollari in Cina.

“È probabile che i clienti di BlackRock perderanno denaro ma cosa più importante, verranno danneggiati gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie”, si legge nell’articolo. Per questo motivo “i manager di BlackRock devono essere consapevoli di “un’enorme crisi che si sta preparando nel mercato immobiliare cinese” aggiunge. La società di risparmio gestito non ha ancora risposto a una richiesta di commento da parte di Reuters.

Il mese scorso, BlackRock è diventato il primo asset manager estero a gestire un’attività di fondi comuni di investimento interamente controllata in Cina, attingendo al mercato dei fondi al dettaglio in rapida crescita da $ 3,6 trilioni. Ciò avviene anche dopo che il governo ha annullato un limite di proprietà straniera nel settore il 1° aprile 2020.

In realtà l’attacco è stato uno dei tanti che Soros ha scritto nelle ultime settimane per mettere in guardia contro legami economici più stretti con la Cina di Xi Jinping, che lui stesso ha definito come “il nemico più pericoloso delle società aperte nel mondo”.

Sebbene Soros rimanga un influente sostenitore del Partito Democratico del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, come sottolinea Bloomberg ormai non gestisce più denaro esterno ed è una voce minoritaria a Wall Street. BlackRock, Goldman Sachs e la maggior parte dei loro principali colleghi del settore finanziario hanno determinato che le opportunità in Cina superano i rischi.

Latest News

I più letti