22.2 C
Milano
sabato 28 Maggio 2022

FED, i tassi potrebbero aumentare fino a 300 punti base

Milano – Il presidente della FED di St. Louis, l’unico a votare contro il rialzo di 25 punti base dei tassi di interesse alla riunione di politica monetaria di marzo, è tornato a chiedere un intervento più incisivo della banca centrale americana per fermare l’impennata dell’inflazione. James Bullard ha affermato che i benchmark di politica monetaria che utilizzano “ipotesi generose” suggeriscono che la Federal Reserve potrebbe aver bisogno di aumentare i tassi di interesse a circa il 3,5% per contrastare un’inflazione troppo alta. “L’attuale tasso di riferimento è troppo basso di circa 300 punti base”, ha affermato Bullard nel discorso “Is the FED behind the Curve? Two Interpretations” all’University of Missouri.

Bullard ha spiegato che l’inflazione negli Stati Uniti è eccezionalmente alta ed è paragonabile all’inflazione nel 1974 e nel 1983. “Tuttavia, non tutto è perduto. Le banche centrali moderne sono più credibili delle loro controparti degli anni ’70 e utilizzano la forward guidance”, ha affermato. “Una forward guidance credibile significa che i tassi di interesse del mercato sono aumentati sostanzialmente prima dell’azione tangibile della FED. Ciò fornisce un’altra definizione di “dietro la curva” e la FED non è molto indietro sulla base di questa definizione”.

Bullard ha osservato che il PIL reale degli Stati Uniti è cresciuto a un tasso del 5,5% nel 2021 e che le previsioni più recenti nel riepilogo delle proiezioni economiche del Federal Open Market Committee (FOMC) suggeriscono che il PIL reale continuerà a crescere “a un ritmo più lento, ma comunque robusto del 2,8% nel 2022”, nonostante una lettura del primo trimestre relativamente debole prevista a causa dell’omicron e della guerra Russia-Ucraina. “L’espansione non è “vecchia” e può continuare a lungo”, ha sottolineato.

Latest News