13.8 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Eurostat, a luglio avanzo commerciale di 20,7 mld. Sale al 2,3% il tasso di posti di lavoro vacanti nel II trimestre

La prima stima per le esportazioni di beni dell’area euro verso il resto del mondo a luglio 2021 è stata di 206,0 miliardi di euro, con un aumento dell’11,4% rispetto a luglio 2020 (184,9 miliardi di euro). Le importazioni dal resto del mondo si sono attestate a 185,3 miliardi di euro, in aumento del 17,1% rispetto a luglio 2020 (158,2 miliardi di euro). Di conseguenza, l’area dell’euro ha registrato un avanzo di 20,7 miliardi di euro negli scambi di merci con il resto del mondo nel luglio 2021, rispetto a +26,8 miliardi di euro nel luglio 2020. Il commercio all’interno dell’area dell’euro è salito a 179,7 miliardi di euro nel luglio 2021. , in crescita del 16,8% rispetto a luglio 2020.

Da gennaio a luglio 2021, le esportazioni di beni dell’area dell’euro verso il resto del mondo sono salite a 1 378,3 miliardi di euro (un aumento del 14,8% rispetto a gennaio-luglio 2020) e le importazioni sono aumentate a 1 255,9 miliardi di euro (un aumento di 15,5 % rispetto a gennaio-luglio 2020). Di conseguenza l’area dell’euro ha registrato un avanzo di 122,4 miliardi di euro, rispetto a +112,8 miliardi di euro nel periodo gennaio-luglio 2020. Il commercio all’interno dell’area dell’euro è salito a 1 230,5 miliardi di euro nel periodo gennaio-luglio 2021, in aumento del 20,1% rispetto a gennaio -luglio 2020.

Da gennaio a luglio 2021, le esportazioni di merci extra-UE sono aumentate a 1 235,1 miliardi di euro (in aumento del 13,2% rispetto a gennaio-luglio 2020) e le importazioni a 1 135,9 miliardi di euro (in aumento del 14,7% rispetto a gennaio-luglio 2020) luglio 2020). Di conseguenza, l’UE ha registrato un avanzo di 99,2 miliardi di euro, rispetto a +100,3 miliardi di euro a gennaio-luglio 2020. Il commercio intra-UE è salito a 1 936,0 miliardi di euro a gennaio-luglio 2021, +20,7% rispetto a gennaio-luglio. 2020.

Nel secondo trimestre del 2021, il tasso di posti di lavoro vacanti è stato del 2,3% nell’area dell’euro, rispetto al 2,1% del trimestre precedente e all’1,6% nel secondo trimestre del 2020, secondo i dati pubblicati da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea Unione. Il tasso di posti di lavoro vacanti nell’UE è stato del 2,2% nel secondo trimestre del 2021, rispetto al 2,0% nel trimestre precedente e all’1,6% nel secondo trimestre del 2020.

Nell’area dell’euro, il tasso di posti di lavoro vacanti nel secondo trimestre del 2021 è stato del 2,2% nell’industria e delle costruzioni e del 2,5% nei servizi. Nell’UE, il tasso è stato anche del 2,2% nell’industria e nell’edilizia e del 2,5% nei servizi.

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati comparabili (cfr. note sui paesi), i tassi di posti di lavoro vacanti più elevati nel secondo trimestre del 2021 sono stati registrati in Cechia (4,9%), Belgio (4,2%) e Paesi Bassi (3,8%). Al contrario, i tassi più bassi sono stati osservati in Grecia (0,3% nel primo trimestre del 2021) così come in Bulgaria, Spagna e Romania (tutte con lo 0,8%). Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, il tasso di posti di lavoro vacanti è aumentato in 23 Stati membri ed è diminuito in due. I dati non erano disponibili per Grecia e Irlanda (secondo trimestre del 2021). Diminuzioni sono state registrate in Cechia (-0,5 pp) e Bulgaria (-0,1 pp). Gli aumenti maggiori sono stati osservati a Cipro (+1,8 pp), Danimarca (+1,6 pp) e Paesi Bassi (+1,4 pp).

Latest News

Web TV