15 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Columbia Threadneedle Investments, maggiore cautela sull’azionario cinese

I recenti provvedimenti regolamentari cinesi inducono molti operatori a domandarsi se il nuovo regime non precluda di fatto gli investimenti in Cina. L’osservazione arriva da Natasha Ebtehadj, Gestore azionario globale di Columbia Threadneedle Investments. “Si potrebbe sostenere che è troppo presto per trarre una conclusione tanto drastica”, ha osservato la Money Manager. Le recenti allusioni di alcuni esponenti del governo suggeriscono che l’impegno verso i principi basati sul mercato persisterà, con il divieto estremo di svolgere attività a scopo di lucro limitato probabilmente al solo settore dell’istruzione. Tuttavia, è ragionevole aspettarsi ripetuti interventi legislativi in altre aree, via via che i regolatori cercano di interpretare e attuare la nuova enfasi posta dal governo sull’autosufficienza tecnologica, la decarbonizzazione e la riduzione delle disuguaglianze sociali.

L’economia cinese continua a evolvere, e le imprese operanti nei settori sotto esame dovranno modificare i loro modelli di business, secondo la Ebtehadj. La maggior parte di esse riuscirà a guadare il fiume, ma non è chiaro quale sarà il loro profilo di redditività nei prossimi tre-cinque anni. “A fronte della significativa incertezza che pesa su oltre il 40% del mercato azionario della Cina, i multipli che gli investitori sono disposti a pagare per i titoli cinesi sono destinati a diminuire”, secondo la casa d’affari. Di conseguenza, abbiamo chiuso la nostra posizione in Tencent, dopo aver detenuto il titolo per molti anni.

Non dobbiamo dimenticare, tuttavia, che la Cina è la seconda più grande economia del mondo e che permangono opportunità di crescita, anche al mutare del regime economico, hanno osservato da Columbia Threadneedle. Alcune delle nostre società in portafoglio, che sono quotate altrove, hanno una significativa esposizione alla Cina, e rimaniamo ottimisti sulle loro prospettive di crescita, specialmente laddove i ricavi sono allineati ai nuovi obiettivi politici. Ad esempio, i piani di decarbonizzazione della Cina saranno probabilmente vantaggiosi per i produttori di veicoli elettrici, e a sua volta per un fornitore come la nostra partecipata TE Connectivity, che genera un quinto dei propri ricavi nel paese. Analogamente, l’altra faccia della medaglia del divieto imposto dal governo sulle attività di doposcuola è stato l’annuncio di nuove politiche volte a promuovere una maggiore partecipazione alle attività sportive, che dovrebbe giovare a un’altra delle nostre posizioni, Adidas, per la quale la Cina rappresenta un quarto del fatturato.

“Altre opportunità si presenteranno nel tempo, ma preferiamo aspettare che il quadro politico diventi più chiaro: non abbiamo ancora attraversato completamente il fiume”, ha concluso la Ebtehadj.

Latest News

Web TV