17.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Borse, ottava seduta in rialzo per Piazza Affari. Wall Street indecisa dopo crollo fiducia dei consumatori

La settimana finisce sopra la parità per i listini europei, anche se con meno brillantezza rispetto agli scorsi giorni: Milano ormai stabile sopra i 26.500 punti e tocca quota 26652.55 (+0,36%), seguita da Francoforte che segna un rialzo dello 0,25% a 15977.440, dopo aver toccato i 16000 nella giornata di oggi. Bene anche Parigi (+0,20% a 6896.04 punti), così come Madrid (+0,23% a 8999.80 punti e Londra (+0,35% a 7218.70 punti). Appena sotto la parità Amsterdam che perde lo 0.05% a 774.83 punti.

Oggi giornata di dati macroeconomici: la Spagna ha diffuso i prezzi consumo in luglio su base mensile (MoM) che si attestano a -0,8%, in calo rispetto al precedente +0,5% (la previsione era -0,7%); l’inflazione tendenziale in Spagna accelera a +2,9% a luglio da +2,7% registrato a giugno. Stessi dati per la Francia, dove i prezzi hanno segnato un incremento dello 0,1%, come il mese precedente e l’inflazione rallenta all1,2%.

Wall Street si mostra un po’ indecisa, così come la fiducia dei consumatori americani ad agosto. Secondo i dati definitivi dell’Università del Michigan, il sentiment dei consumatori è stimato a 70,2 punti rispetto agli 81,2 punti del mese di luglio; il dato è anche inferiore alle aspettative degli analisti che erano per un livello stabile a 81,2 punti. Nell’ultimo mezzo secolo, il Sentiment Index ha registrato perdite maggiori solo in altri sei sondaggi, tutti collegati a improvvisi cambiamenti negativi dell’economia: gli unici cali maggiori si sono verificati durante la chiusura dell’economia nell’aprile 2020 (-19,4%) e al culmine della Grande Recessione nell’ottobre 2008 (-18,1%).

Alle ore 18.15 il Dow Jones si muove in territorio positivo a +0,12% a 35540.71 punti, mentre appena sopra la parità l’S&P 500 (+0,09% a 4464.96 punti) e il Nasdaq (+0,4% a 14822.24 punti). In campo obbligazionario il rendimento del Btp decennale sale dello 0,550% mentre lo spread Btp/Bund resta fermo a 101 punti base.

Sul fronte commodities il petrolio ancora in calo sui due listini di riferimento con il Wti a 68 dollari al barile e il Brent a 70, mentre l’oro guadagna l’1,37% a 1.775 dollari l’oncia.

Nel comparto valutario l’euro si rialza e prende terreno sul dollaro guadagnando lo 0,60% e scambia a 1,1799, mentre risulta un po’ meno robusto nei confronti della sterlina (+0,28%) e scambia a 0.8513. Il dollaro in caduta libera sullo yen (-0,67%), dove scambia a 109.69, mentre la moneta britannica ritrova forza (+0,40% vs USD) e scambia a 1.3860.

Per Piazza Affari si tratta dell’ottava seduta consecutiva in progresso e di un nuovo massimo dal settembre 2008: il Ftse Mib conferma il rally di Ferragosto guadagnando lo 0,36%.

Tra i titoli milanesi ottima performance di Exor (+1,67% a 75.64 euro) e Leonardo (+1,53% a 7.012 euro); buona giornata anche per Atlantia (+1,51% a 15.76 euro) grazie al recupero del traffico aereo e autostradale, ma soprattutto alla possibile quotazione di Telepass nel 2024. Bene anche Campari (+1,2% a 12.215 euro) e Interpump Group (+1,16% a 56.65 euro).

Un po’ deboli Saipem (-0,64% a 2.029 euro), Diasorin (-0,53% a 177.85 euro) e Bper Banca (-0,52% a 1.8275 euro).

La settimana finisce sopra la parità per i listini europei, anche se con meno brillantezza rispetto agli scorsi giorni: Milano ormai stabile sopra i 26.500 punti e tocca quota 26652.55 (+0,36%), seguita da Francoforte che segna un rialzo dello 0,25% a 15977.440, dopo aver toccato i 16000 nella giornata di oggi. Bene anche Parigi (+0,20% a 6896.04 punti), così come Madrid (+0,23% a 8999.80 punti e Londra (+0,35% a 7218.70 punti). Appena sotto la parità Amsterdam che perde lo 0.05% a 774.83 punti.

Oggi giornata di dati macroeconomici: la Spagna ha diffuso i prezzi consumo in luglio su base mensile (MoM) che si attestano a -0,8%, in calo rispetto al precedente +0,5% (la previsione era -0,7%); l’inflazione tendenziale in Spagna accelera a +2,9% a luglio da +2,7% registrato a giugno. Stessi dati per la Francia, dove i prezzi hanno segnato un incremento dello 0,1%, come il mese precedente e l’inflazione rallenta all1,2%.

Wall Street si mostra un po’ indecisa, così come la fiducia dei consumatori americani ad agosto. Secondo i dati definitivi dell’Università del Michigan, il sentiment dei consumatori è stimato a 70,2 punti rispetto agli 81,2 punti del mese di luglio; il dato è anche inferiore alle aspettative degli analisti che erano per un livello stabile a 81,2 punti. Nell’ultimo mezzo secolo, il Sentiment Index ha registrato perdite maggiori solo in altri sei sondaggi, tutti collegati a improvvisi cambiamenti negativi dell’economia: gli unici cali maggiori si sono verificati durante la chiusura dell’economia nell’aprile 2020 (-19,4%) e al culmine della Grande Recessione nell’ottobre 2008 (-18,1%).

Alle ore 18.15 il Dow Jones si muove in territorio positivo a +0,12% a 35540.71 punti, mentre appena sopra la parità l’S&P 500 (+0,09% a 4464.96 punti) e il Nasdaq (+0,4% a 14822.24 punti). In campo obbligazionario il rendimento del Btp decennale sale dello 0,550% mentre lo spread Btp/Bund resta fermo a 101 punti base.

Sul fronte commodities il petrolio ancora in calo sui due listini di riferimento con il Wti a 68 dollari al barile e il Brent a 70, mentre l’oro guadagna l’1,37% a 1.775 dollari l’oncia.

Nel comparto valutario l’euro si rialza e prende terreno sul dollaro guadagnando lo 0,60% e scambia a 1,1799, mentre risulta un po’ meno robusto nei confronti della sterlina (+0,28%) e scambia a 0.8513. Il dollaro in caduta libera sullo yen (-0,67%), dove scambia a 109.69, mentre la moneta britannica ritrova forza (+0,40% vs USD) e scambia a 1.3860.

Per Piazza Affari si tratta dell’ottava seduta consecutiva in progresso e di un nuovo massimo dal settembre 2008: il Ftse Mib conferma il rally di Ferragosto guadagnando lo 0,36%.

Tra i titoli milanesi ottima performance di Exor (+1,67% a 75.64 euro) e Leonardo (+1,53% a 7.012 euro); buona giornata anche per Atlantia (+1,51% a 15.76 euro) grazie al recupero del traffico aereo e autostradale, ma soprattutto alla possibile quotazione di Telepass nel 2024. Bene anche Campari (+1,2% a 12.215 euro) e Interpump Group (+1,16% a 56.65 euro).

Un po’ deboli Saipem (-0,64% a 2.029 euro), Diasorin (-0,53% a 177.85 euro) e Bper Banca (-0,52% a 1.8275 euro).

Latest News

I più letti