22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Borsa, listini europei senza slanci. Milano chiude a +0,07%

Un lunedì che chiude abbastanza in positivo, anche se non con slanci particolari: Milano guadagna lo 0,07% e torna sopra quota 26000, a 26024.26 punti, seguita Parigi che chiude le contrattazioni a +0,08 a 6687.30 punti e da Francoforte, con +0,22% a 15887.310 punti. Chiude in positivo anche Amsterdam, che segna +0,27% a 789.14 punti. Giornata in calo invece per Madrid (-0,61% a 8867.90 punti).

Bene anche Wall Street: il Dow Jones guadagna lo 0,06% a 35476.36 punti, l’S&P 500 lo 0,53% a 4533.09 punti, mentre il Nasdaq è in rialzo dell’0,86% a 15259.14 punti.

Il rendimento del Bund scende del 4,56% a -0,4390%, quello del Btp torna a 0,617% (-3,89%) e quello del Treasury si riporta a 1,290% (-1,66%); lo spread scende a 105 punti base.

Sul fronte commodities, l’oro perde lo 0,30%, pur restando sopra quota 1.800 a 1.813 dollari l’oncia, mentre il petrolio è ancora sulle montagne russe: il Wti tratta a 68,94 dollari il barile (+0,31%) e il Brent scambia a 71,94 (+0,35%).

Nel valutario l’euro fermo sul dollaro (+0,01%) e scambia a 1,1797, mentre leggermente in rialzo nei confronti della sterlina (+0,13%) e scambia a 0.8576. Il dollaro poco mosso sullo yen (+0,06%), dove scambia a 109.90, mentre la moneta britannica in lieve calo (-0,02%) sul biglietto verde e scambia a 1.3754.

A Piazza Affari si mette in evidenza Interpump, che mostra un forte incremento del 2,27%, seguito da Saipem, con un rialzo dell’1,58% e STMicroelectronics, che avanza con +1,57%.

Prosegue e chiude in negativo il comparto bancario, con Unicredit che ha registrato forti vendite (-1,65%) e Bper, in calo dell’1,17%.

Un lunedì che chiude abbastanza in positivo, anche se non con slanci particolari: Milano guadagna lo 0,07% e torna sopra quota 26000, a 26024.26 punti, seguita Parigi che chiude le contrattazioni a +0,08 a 6687.30 punti e da Francoforte, con +0,22% a 15887.310 punti. Chiude in positivo anche Amsterdam, che segna +0,27% a 789.14 punti. Giornata in calo invece per Madrid (-0,61% a 8867.90 punti).

Bene anche Wall Street: il Dow Jones guadagna lo 0,06% a 35476.36 punti, l’S&P 500 lo 0,53% a 4533.09 punti, mentre il Nasdaq è in rialzo dell’0,86% a 15259.14 punti.

Il rendimento del Bund scende del 4,56% a -0,4390%, quello del Btp torna a 0,617% (-3,89%) e quello del Treasury si riporta a 1,290% (-1,66%); lo spread scende a 105 punti base.

Sul fronte commodities, l’oro perde lo 0,30%, pur restando sopra quota 1.800 a 1.813 dollari l’oncia, mentre il petrolio è ancora sulle montagne russe: il Wti tratta a 68,94 dollari il barile (+0,31%) e il Brent scambia a 71,94 (+0,35%).

Nel valutario l’euro fermo sul dollaro (+0,01%) e scambia a 1,1797, mentre leggermente in rialzo nei confronti della sterlina (+0,13%) e scambia a 0.8576. Il dollaro poco mosso sullo yen (+0,06%), dove scambia a 109.90, mentre la moneta britannica in lieve calo (-0,02%) sul biglietto verde e scambia a 1.3754.

A Piazza Affari si mette in evidenza Interpump, che mostra un forte incremento del 2,27%, seguito da Saipem, con un rialzo dell’1,58% e STMicroelectronics, che avanza con +1,57%.

Prosegue e chiude in negativo il comparto bancario, con Unicredit che ha registrato forti vendite (-1,65%) e Bper, in calo dell’1,17%.

Latest News

I più letti