19.4 C
Milano
domenica 1 Agosto 2021

Bitcoin giallo oro

I più letti

Jeroen Blokland, responsabile del team multi asset di Robeco. “Negli ultimi mesi, si è sviluppato un chiaro ed enfatico consenso sul ruolo di bitcoin come riserva di valore, un oro digitale”

Il bitcoin è sempre in prima pagina, non solo per la sua fulminea ascesa e la sua
impareggiabile volatilità, ma anche per l’acceso dibattito tra sostenitori e oppositori. 
Secondo l’analisi di Jeroen Blokland, responsabile del team multi asset di Robeco, ciò che
più ci interessa, tuttavia, è il crescente consenso sulla sua vera natura. Negli ultimi mesi, si
è sviluppato un chiaro ed enfatico consenso sul ruolo di bitcoin come riserva di valore, un
oro digitale.
Recentemente il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, lo ha definito come
“essenzialmente un sostituto dell’oro piuttosto che del dollaro”. Proprio come l’oro, il
bitcoin è scarso e durevole. Inoltre, presenta un alto grado di portabilità, è facilmente
scambiabile e programmabile.
L’oro ha una lunga tradizione come riserva di valore, fattore che ovviamente manca al
bitcoin. In quanto oro digitale, il bitcoin ha un valore monetario.
La discussione sulla mancanza di valore intrinseco è per lo più irrilevante. Come per i
diamanti, l’arte, i francobolli, l’oro e il dollaro, il bitcoin non fornisce flussi di cassa.
Eppure, tutte queste asset class hanno un valore monetario, e la maggior parte di esse
sono considerate una riserva di valore. L’oro è stato tradizionalmente utilizzato come
supporto per le economie e come copertura contro l’inflazione.
Sin dalla fine del gold standard nel 1971, l’oro ha significativamente sovraperformato
l’inflazione, con un aumento annuo del 7,7% circa. Ciò è stato accompagnato da una
volatilità realizzata del 17%.
Quindi, è errato assumere che una riserva di valore debba avere un rendimento realizzato
simile al tasso d’inflazione, e che debba essere relativamente a basso rischio.
Inoltre, investire nell’oro digitale non è necessariamente sinonimo di opinioni estreme
sull’economia o sulla moneta legale.
Se si ricerca una potenziale copertura contro l’inflazione, un crollo dei rendimenti
obbligazionari reali e/o una svalutazione del dollaro, l’allocazione nell’oro digitale potrebbe
essere un passo prudente verso una migliore diversificazione del portafoglio.
Dato il suo potenziale di diventare una riserva di valore, consideriamo il bitcoin un’asset
class, anche se estrema. Il bitcoin ha certamente ripagato chi ha avuto il coraggio di
mantenerlo in portafoglio. Dal primo trade nel luglio 2010, il rendimento medio è stato un

impressionante 254% annuo, rispetto al 15% dell’S&P 500, la seconda asset class in
termini di performance.
Anche la volatilità è estrema: la volatilità media annualizzata realizzata del bitcoin è un
impressionante 114%, quasi dieci volte quella azionaria e dell’oro. Eppure, l’indice di
Sharpe è significativamente più alto di quello di altre asset class. E la correlazione del
bitcoin con le altre asset class è stata vicina allo zero, il che suggerisce notevoli benefici di
diversificazione.
Nonostante la sua ascesa fulminea, la capitalizzazione di mercato del bitcoin di mille
miliardi di dollari traduce in un peso di appena lo 0,6% nel portafoglio global multi asset
market, che consiste nel totale della capitalizzazione di mercato investibile delle principali
asset class.
Per arrivare a una stima più realistica, abbiamo presupposto che nei prossimi cinque-dieci
anni raggiungerà i 3.000 miliardi di dollari di capitalizzazione del mercato dell’oro
investibile, cioè l’oro che è usato per gli investimenti o è in qualche modo legato ai mercati
finanziari. Ciò implica un rendimento previsto del 12-25% annuo.
Quindi, qual è l’adeguata quantità di bitcoin in un portafoglio? I nostri risultati sono
inequivocabili. Per tutte le 36 combinazioni di rischio-rendimento-correlazione, la nostra
ottimizzazione intelligente mostra un’allocazione massima del 2,5% in bitcoin. Un risultato
migliore del previsto: ci aspettavamo un calo quando la combinazione di caratteristiche
risultasse “peggiore”.
Tuttavia, sulla base della nostra analisi dell’impatto – ad esempio come il bitcoin possa
rappresentare fino al 15% della volatilità totale del portafoglio, insieme al fatto che la
volatilità del bitcoin è attualmente ancora ben al di sopra della nostra stima più alta del
60% – crediamo che sia giustificato limitare il peso massimo del bitcoin all’1%. Un peso
dell’1% si allinea anche meglio con la gestione generale del portafoglio, compreso il
ribilanciamento.

Ci sono anche altri aspetti da prendere in considerazione. Innanzitutto, il numero di
investimenti alternativi è limitato, ma in crescita. Gli Etf investibili stanno aumentando, così
come i futures. Tuttavia, non tutti gli Etf investono in bitcoin “fisici”. E non sempre si può
assicurare una conservazione interamente offline.
Per i futures di bitcoin, la creazione di conti di trading è più complessa, e i requisiti di
margine (fino al 33%) sono molto più alti che per le obbligazioni e le azioni. Inoltre, in
Europa le direttive Ucits limitano l’esposizione agli investimenti in singole materie prime.
Tuttavia, è possibile creare un “fondo di investimento” in bitcoin con un exchange-traded
note (Etn).
Infine, bisogna affrontare la controversia legata alla quantità di elettricità necessaria per
estrarre le valute digitali, così come il potenziale uso in pratiche illecite.
Tuttavia, è incredibilmente difficile valutare questi aspetti. Ad esempio, mentre l’uso di
energia è aumentato bruscamente con l’aumento della potenza di elaborazione per
estrarre bitcoin (“hash rate”), l’impatto dipende dalla fonte energetica utilizzata.

Le rinnovabili rappresentano ora una parte significativa del mix energetico, e diversi studi
hanno sottolineato il ruolo del mining nel ridurre l’interruzione dell’elettricità da rinnovabili.
Ma, forse, la cosa più importante da considerare è il fatto che il bitcoin potrebbe non
essere l’oro digitale, e c’è ancora un’enorme incertezza relativa al suo futuro

spot_img

Latest News