21.2 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Bce, Lagarde: “No tapering ma ricalibriamo il PEPP”

La Banca centrale europea ha annunciato oggi che ridurrà i suoi acquisti di obbligazioni di emergenza nel prossimo trimestre. Ma la presidente Christine Lagarde ha voluto sottolineare che “Non si sta facendo tapering, ma ricalibrando il PEPP, così come è stato già fatto a dicembre e a marzo”.

La decisione, che sembra comunque un primo passo verso lo scioglimento degli aiuti di emergenza, è stata “presa all’unanimità” dal Consiglio direttivo della Banca centrale europea. “Mi spiace per coloro che vogliono parlare di colombe contro falchi, ma questa volta non si può“, ha aggiunto Lagarde.

Non sono state date indicazioni sul modo in cui potrebbe smantellare il Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) da 1,85 trilioni di euro che ha mantenuto bassi i costi di finanziamento per i governi e le imprese.

“Il Consiglio direttivo ritiene che condizioni di finanziamento favorevoli possano essere mantenute con un ritmo moderatamente inferiore di acquisti di attività nette nell’ambito del Programma di acquisto di emergenza pandemica rispetto ai due trimestri precedenti”, ha affermato la Bce in una nota.

Negli ultimi due trimestri, la banca ha acquistato ogni mese circa 80 miliardi di euro di debito. Non ha fornito alcuna guida numerica per i tre mesi a venire, ma gli analisti avevano previsto prima dell’incontro che gli acquisti sarebbero scesi tra i 60 ei 70 miliardi di euro in quei mesi.

“Il Consiglio direttivo è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, a seconda dei casi, per garantire che l’inflazione si stabilizzi al suo obiettivo del 2% nel medio termine”, ha affermato la Bce.

La Banca centrale europea ha annunciato oggi che ridurrà i suoi acquisti di obbligazioni di emergenza nel prossimo trimestre. Ma la presidente Christine Lagarde ha voluto sottolineare che “Non si sta facendo tapering, ma ricalibrando il PEPP, così come è stato già fatto a dicembre e a marzo”.

La decisione, che sembra comunque un primo passo verso lo scioglimento degli aiuti di emergenza, è stata “presa all’unanimità” dal Consiglio direttivo della Banca centrale europea. “Mi spiace per coloro che vogliono parlare di colombe contro falchi, ma questa volta non si può“, ha aggiunto Lagarde.

Non sono state date indicazioni sul modo in cui potrebbe smantellare il Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) da 1,85 trilioni di euro che ha mantenuto bassi i costi di finanziamento per i governi e le imprese.

“Il Consiglio direttivo ritiene che condizioni di finanziamento favorevoli possano essere mantenute con un ritmo moderatamente inferiore di acquisti di attività nette nell’ambito del Programma di acquisto di emergenza pandemica rispetto ai due trimestri precedenti”, ha affermato la Bce in una nota.

Negli ultimi due trimestri, la banca ha acquistato ogni mese circa 80 miliardi di euro di debito. Non ha fornito alcuna guida numerica per i tre mesi a venire, ma gli analisti avevano previsto prima dell’incontro che gli acquisti sarebbero scesi tra i 60 ei 70 miliardi di euro in quei mesi.

“Il Consiglio direttivo è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, a seconda dei casi, per garantire che l’inflazione si stabilizzi al suo obiettivo del 2% nel medio termine”, ha affermato la Bce.

Latest News

I più letti