1 C
Milano
martedì, Dicembre 7, 2021

Bank of England, sfida ai mercati: nessun rialzo dei tassi

Contro ogni aspettativa, la Bank of England ha deciso di non alzare i tassi di interesse, sfidando le aspettative di molti investitori secondo cui sarebbe diventata la prima grande banca centrale ad aumentare i tassi dopo la pandemia di coronavirus.

Il Comitato per la politica monetaria della Banca ha votato 7-2 per mantenere invariato il tasso di interesse di riferimento al minimo storico dello 0,1% e 6-3 a favore della continuazione del programma esistente di acquisti di titoli di stato britannici a un target di 875 miliardi di sterline ($ 1,2 trilioni). E’ stato anche votato all’unanimità per mantenere il suo stock di 20 miliardi di sterline di acquisti di obbligazioni societarie, mantenendo il programma di acquisto di attività totale a 895 miliardi di sterline.

Come sottolinea la Cnbc, i mercati erano incerti se la Bank of England avrebbe intrapreso il percorso verso la normalizzazione della politica monetaria oggi o alla sua prossima riunione prevista per metà dicembre, ma gli analisti erano abbastanza fiduciosi per un rialzo prima della fine dell’anno.

La sterlina è scesa bruscamente dopo l’annuncio. Ora è in ribasso di circa lo 0,64% contro l’euro a 0,8544, mentre il dollaro ha guadagnato l’1,28%.

GBP/EUR – Tradingview

Un fattore chiave che ha fatto propendere per questa decisione è stato “un elevato grado di incertezza” sulle prospettive a breve termine per il mercato del lavoro, a seguito della fine del piano di congedo del paese il 30 settembre, ha spiegato la BoE. La disoccupazione è scesa al 4,5% nei tre mesi fino ad agosto, mentre i dati sui salari sono aumentati notevolmente. “Ci sono stati ancora pochi segnali di aumento dei licenziamenti e lo stock di posti vacanti è ulteriormente aumentato, così come gli indicatori di difficoltà di reclutamento”.

Anche se l’inflazione britannica ha rallentato inaspettatamente a settembre, salendo del 3,1% in termini annui, gli analisti prevedono che questa sarà una breve tregua per i consumatori. L’aumento annuale del 3,2% di agosto è stato il più grande aumento da quando sono iniziati i record nel 1997 e ha ampiamente superato l’obiettivo del 2% della Banca.

La Banca ora prevede che l’inflazione aumenterà ulteriormente fino a circa il 5% nella primavera del 2022 prima di tornare all’obiettivo del 2% entro la fine del 2023, poiché l’impatto dell’aumento dei prezzi del petrolio e del gas svanisce e la domanda di beni si modera. Il PIL è cresciuto dello 0,4% ad agosto dopo una contrazione inaspettata dello 0,1% a luglio, poiché le assenze del personale legate alla variante Delta del Covid-19 sono aumentate.

Latest News

Web TV