6.1 C
Milano
lunedì 5 Dicembre 2022

Bank of England, 3 parole d’ordine: credibilità, stabilità, integrità. L’operazione gilt chiude il 14 ottobre

Londra – Le pressioni sulle finanze pubbliche derivanti dal “mini-budget” presentato dal governo britannico non devono “mettere in discussione la sostenibilità a lungo termine delle finanze pubbliche o il rispetto del più ampio quadro istituzionale per la politica macroeconomica rimane fondamentale”, “anche perché il mantenimento della credibilità e dell’integrità di tale quadro sostiene l’efficacia della politica monetaria nel perseguire i propri obiettivi”. E’ la posizione di Huw Pill, chief economist della Bank of England. La BoE è stata costretta a intervenire nel mercato dei titoli di Stato britannici dopo la prima dichiarazione fiscale del ministro delle finanze Kwasi Kwarteng, che non aveva le consuete previsioni indipendenti (in particolare dell’Office for Budget Responsibility, OBR) e includeva 45 miliardi di sterline di tagli fiscali non finanziati.

“In questo contesto, è positivo che il ruolo svolto dall’OBR nell’esame dei piani di bilancio del governo venga ripreso nella prossima dichiarazione di bilancio – ha affermato Pill – Il suo controllo esterno e indipendente delle prospettive per le finanze pubbliche rafforzerà la credibilità del processo, contribuendo così ad aggiungere stabilità in quello che attualmente è un ambiente instabile”. Più in generale, indipendentemente dal fatto che riflettano le pressioni provenienti dal settore fiscale, finanziario o di altro tipo, “è essenziale mantenere la credibilità, la stabilità e l’integrità del quadro istituzionale che disciplina le politiche macroeconomiche del Regno Unito”, ha ribadito Pill. “Questo è il contesto in cui opera con maggiore efficacia la politica monetaria della Banca – ha aggiunto – La conservazione di tale quadro richiede che ai responsabili politici vengano assegnate responsabilità chiaramente definite; che si sforzano di raggiungere obiettivi chiaramente identificati; e che la loro indipendenza istituzionale – e quella di altri attori politici – sia pienamente rispettata”.

La Bank of England ha confermato il suo piano per porre fine agli acquisti di obbligazioni di emergenza nella giornata di venerdì prossimo, dopo che il Financial Times aveva scritto che la Banca centrale era pronta a estendere il sostegno per scongiurare una crisi dei fondi pensione britannici. “Come la Banca ha chiarito fin dall’inizio, i suoi acquisti temporanei e mirati di gilt si concluderanno il 14 ottobre” ha affermato un portavoce. Il governatore Andrew Bailey aveva infatti affermato che i fondi pensione hanno tre giorni di tempo per risolvere i loro problemi di liquidità prima che la Banca centrale ponga fine al suo intervento di emergenza sul mercato obbligazionario.

Non è chiaro quali interventi i fondi pensione dovrebbero attuare, dopo che nelle scorse settimane sono stati colpiti da margin call collegate alle loro strategie Liability-Driven Investment. Nel suo “Financial Policy Summary and Record” trimestrale, si legge che “la Banca, l’autorità di regolamentazione delle pensioni e la Financial Conduct Authority stanno monitorando da vicino i progressi dei gestori LDI mentre mettono i loro fondi su una base sostenibile per qualsiasi livello di prezzi degli asset che prevarrà quando la Banca smette di acquistare gilt e per garantire che i fondi LDI siano meglio preparati per stress futuri data l’attuale volatilità del mercato”.

Nel frattempo, le controparti centrali (CCP) del sistema finanziario britannico sono “resilienti” a uno scenario di stress del mercato. Lo ha comunicato la Banca d’Inghilterra con i risultati del suo primo stress test di vigilanza pubblica delle controparti centrali del Regno Unito. L’esercizio si è svolto nel periodo 2021-22 e ha preso in esami i servizi di compensazione di tutte le controparti centrali del Regno Unito, ICE Clear Europe Limited, LCH Limited e LME Clear Limited. La controparte centrale si interpone tra due contraenti evitando che questi siano esposti al rischio di inadempienza della propria controparte contrattuale e garantendo il buon fine dell’operazione. La controparte centrale si tutela dal rischio raccogliendo garanzie (i cosiddetti margini) commisurate al valore dei contratti garantiti e al rischio previsto.

L’esercizio ha valutato la resilienza creditizia e di liquidità di queste controparti centrali in uno scenario di grave stress del mercato e l’inadempimento simultaneo di gruppi selezionati di partecipanti diretti. Il grave scenario di stress del mercato consisteva in shock sui prezzi di un’ampia gamma di prodotti compensati dalle controparti centrali ed era concepito per essere ai limiti delle osservazioni storiche. “La conclusione del primo stress test pubblico contro le controparti centrali della Banca segna un’importante pietra miliare nello sviluppo della vigilanza e della regolamentazione delle controparti centrali – ha commentato Jon Cunliffe, vice governatore per la stabilità finanziaria – Sebbene lo stress test sia stato esplorativo, senza valutazioni pass-fail, i risultati sono la prova della resilienza complessiva delle controparti centrali del Regno Unito”.

Latest News