Skip to content

MISSION         REDAZIONE       CONTATTI

Luglio 22, 2024 1:41 pm
Facebook
Twitter
LinkedIn
poste italiane

E’ un parere negativo quello che l’Antitrust ha depositato in Commissione Bilancio della Camera sulla acquisizione di PagoPa da parte di Poste Italiane. Ed è un parere dettato dalla potenziale minaccia alla concorrenza: “Esiste un serio rischio di squilibrio competitivo”, fanno sapere dal’Authority. Secondo l’Antitrust, l’ingresso di Poste comprometterebbe neutralità ed imparzialità dei pagamenti digitali verso la Pubblica Amministrazione.
Dubbi sono stati espressi anche dall’Associazione Bancaria Italiana. Per ABI va affrontato lo squilibrio generato dal fatto che Poste già gestisce l’omonima piattaforma PagoPa.
Sul fronte politico, la reazione più dura è quella del Partito Democratico che chiede di ripensare l’operazione. Il PD ha presentato un emendamento per accantonare la norma che nel decreto Pnrr prevede l’ingresso di Poste nel capitale PagoPa.
Il Governo, per bocca del Ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti invita a contenere le preoccupazioni: “Quello dell’Antitrust non è un No definitivo. Risolveremo ogni dubbio”.
Infine le associazioni dei consumatori, tra cui Codacons e Assoutenti. Tutte si sono dette d’accordo con la posizione dell’Autority alla Concorrenza. Hanno poi suggerito di bandire per l’assegnazione un’asta pubblica per garantire trasparenza e neutralità.

Torna su