20.1 C
Milano
mercoledì 4 Agosto 2021

Virgin Galactic, picco vertiginoso per la compagnia spaziale di Richard Branson: -17%

I più letti

Richard Branson, miliardario fondatore della Virgin Group, lo scorso 11 luglio ha conquistato un nuovo primato: essere il primo privato cittadino a volare nello spazio. Il volo suborbitale ha avuto una durata complessiva di 90 minuti e ha permesso all’equipaggio di sperimentare l’assenza di gravità. Un atto che segna l’inizio della nuova era del turismo spaziale, cui seguiranno i viaggi organizzati da Elon Musk con SpaceX e Jeff Bezos di Amazon con Blue Origin.

“A tutti i bambini laggiù, una volta ero solo un bambino con un sogno che guardava in alto, verso le stelle. Ora sono un adulto in un’astronave, con tanti altri meravigliosi adulti, che guarda in basso, verso il meraviglioso pianeta Terra. Alla prossima generazione di sognatori: se noi abbiamo fatto questo, provate a immaginare cosa riuscirete a fare voi”. Queste le parole di Branson emozionato per aver esaudito uno dei sogni più comuni: viaggiare nello spazio.

Come è facile immaginare, nel premarket, le azioni della Virgin Galactic erano in rialzo del 7% a 44,80 dollari, ma l’indomani il gruppo è caduto vertiginosamente alla Borsa di Wall Street, con un ribasso che ha raggiunto il 17%. La compagnia spaziale creata dal magnate Richard Branson è crollata in Borsa dopo aver annunciato l’intenzione di vendere fino a 500 milioni di dollari in azioni ordinarie.

“Abbiamo stipulato un contratto con Credit Suisse, Morgan Stanley e Goldman Sachs relativo alla vendita di azioni, dal valore nominale di 0,0001 dollari ciascuna, con un prezzo di offerta aggregato fino a 500.000.000 di dollari”, si legge in una comunicazione alla Securities and Exchange Commission.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

spot_img

Latest News