15.8 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Verbali Fed, tapering entro la fine dell’anno

I funzionari della Federal Reserve hanno ritenuto che il livello occupazionale per la diminuzione del sostegno all’economia “potrebbe essere raggiunto quest’anno”, ma sembravano non essere d’accordo su altri aspetti chiave su dove la politica monetaria dovrebbe cambiare prossimamente nella transizione dalla crisi pandemica. Questo è ciò che emerge dai verbali del mese scorso della riunione della Federal Reserve.

Il resoconto della riunione del 27-28 luglio ha mostrato che i funzionari della Fed si aspettano in gran parte che entro la fine dell’anno ridurranno gli acquisti mensili di emergenza della banca centrale di 120 miliardi di dollari di buoni del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca.

Ma il consenso su altre questioni chiave è apparso sfuggente, tra cui la data di inizio del “tapering” dell’acquisto di obbligazioni e se il rischio maggiore per la ripresa è rappresentato dall’inflazione, dalla disoccupazione in corso o dalla possibilità in agguato che un nuovo coronavirus possa gettare le cose al contrario.

L’inflazione è aumentata vertiginosamente quest’anno, con una misura attentamente osservata in esecuzione a un tasso annuo del 3,5% a giugno, ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed. Eppure l’economia rimane a 5,7 milioni di posti di lavoro a corto di dove era prima della pandemia. Con questi obiettivi fondamentali apparentemente in conflitto, la Fed sta cercando di bilanciare la gestione di due strumenti di politica monetaria – acquisto di obbligazioni e tassi di interesse – senza perdere il controllo dell’inflazione o frenare la ripresa prima che l’economia riacquisti il ​​maggior numero possibile di posti di lavoro.

In particolare, alcuni partecipanti hanno asserito che le condizioni economiche attuali, alla luce della crescita dell’inflazione dei mesi scorsi, “indichino la necessità di ridurre l’acquisto di asset entro fine anno”. Altri membri del Fomc, però, hanno ribattuto che “sarebbe meglio posticipare la fase tapering al 2021, perché il mercato del lavoro non è ancora pronto a un restringimento delle politiche monetarie”. Tuttavia, a livello complessivo, il consiglio sarebbe a favore del tapering entro la fine dell’anno.

I funzionari della Federal Reserve hanno ritenuto che il livello occupazionale per la diminuzione del sostegno all’economia “potrebbe essere raggiunto quest’anno”, ma sembravano non essere d’accordo su altri aspetti chiave su dove la politica monetaria dovrebbe cambiare prossimamente nella transizione dalla crisi pandemica. Questo è ciò che emerge dai verbali del mese scorso della riunione della Federal Reserve.

Il resoconto della riunione del 27-28 luglio ha mostrato che i funzionari della Fed si aspettano in gran parte che entro la fine dell’anno ridurranno gli acquisti mensili di emergenza della banca centrale di 120 miliardi di dollari di buoni del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca.

Ma il consenso su altre questioni chiave è apparso sfuggente, tra cui la data di inizio del “tapering” dell’acquisto di obbligazioni e se il rischio maggiore per la ripresa è rappresentato dall’inflazione, dalla disoccupazione in corso o dalla possibilità in agguato che un nuovo coronavirus possa gettare le cose al contrario.

L’inflazione è aumentata vertiginosamente quest’anno, con una misura attentamente osservata in esecuzione a un tasso annuo del 3,5% a giugno, ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed. Eppure l’economia rimane a 5,7 milioni di posti di lavoro a corto di dove era prima della pandemia. Con questi obiettivi fondamentali apparentemente in conflitto, la Fed sta cercando di bilanciare la gestione di due strumenti di politica monetaria – acquisto di obbligazioni e tassi di interesse – senza perdere il controllo dell’inflazione o frenare la ripresa prima che l’economia riacquisti il ​​maggior numero possibile di posti di lavoro.

In particolare, alcuni partecipanti hanno asserito che le condizioni economiche attuali, alla luce della crescita dell’inflazione dei mesi scorsi, “indichino la necessità di ridurre l’acquisto di asset entro fine anno”. Altri membri del Fomc, però, hanno ribattuto che “sarebbe meglio posticipare la fase tapering al 2021, perché il mercato del lavoro non è ancora pronto a un restringimento delle politiche monetarie”. Tuttavia, a livello complessivo, il consiglio sarebbe a favore del tapering entro la fine dell’anno.

Latest News

I più letti