13.8 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Valute, IG Italia: Sterlina in profonda crisi, ma non solo per la Brexit

Forti vendite sulla sterlina britannica. Il GBP perde notevolmente terreno contro dollaro e contro euro. Il cambio GBP/USD è sceso nelle ultime due sedute da 1,3710 a 1,3428. La coppia valutaria GBP/EUR ha evidenziato un ribasso da 1,1730 a 1,1570, il GBP/JPY da 152,50 a 150. Una débâcle quella della sterlina che sui mercati valutari non si vedeva da parecchio tempo.

A tal proposito riportiamo il commento a cura di Filippo A. Diodovich, senior market strategist di IG Italia.

Quali sono le ragioni della caduta? Tutta colpa della Brexit?

La Brexit ha avuto un impatto negativo sull’economia UK ma non spiega da sola la recente crisi della sterlina. Per molti analisti del Forex la valuta del Regno Unito ha assunto un carattere di forte volatilità che ha contraddistinto più le cosiddette esotiche pairs che non le coppie valutarie major.

Ma allora da dove deriva questa incertezza sul futuro della sterlina?

Principalmente dalle difficili scelte che dovrà fare il governatore della Bank of England, Andrew Bailey, assieme al MPC (Monetary Policy Committee) in merito alla politica monetaria. Le forti pressioni inflazionistiche (in agosto al 3,2% a/a) spingono la BoE a intervenire il prima possibile con un cambio di strategie monetarie. Bailey ha dichiarato recentemente che un rialzo dei tassi potrebbe essere effettuato anche prima di fine anno se necessario. Più presumibilmente nella prima metà del 2022. Il vero problema per Bailey e per gli altri banchieri centrali inglesi è che l’economia inglese si sta indebolendo di giorno in giorno. Clima di fiducia in peggioramento di imprese e famiglie. Forte rallentamento della ripresa economica sia nel comparto manifatturiero sia in quello di servizi. Grave carenza di energia con le riserve agli sgoccioli e con molte fabbriche obbligate a razionalizzarne il consumo. Rischi di stagflazione in aumento.

Un rialzo dei tassi con un’economia in forte difficoltà potrebbe anche peggiorare i delicati equilibri finanziari.

Quali le prospettive tecniche per il GBP/USD?

Il cedimento del supporto a 1,36 ha alimentato le pressioni ribassiste facendo scendere la coppia valutaria fino a un minimo intraday a 1,3423, bottom che non si vedevano da dicembre 2020. Probabilmente stiamo assistendo a un momento di panic-sell che solitamente porta a reazioni positive nel breve. Rialzi fino a 1,36 resterebbero compatibili con l’ipotesi di realizzazione di un nuovo segmento ribassista con obiettivi a 1,33. Conferme sotto 1,3420. Segnali long solamente con una perentoria vittoria di 1,36.

Latest News

Web TV