24.8 C
Milano
lunedì 8 Agosto 2022

Usa, un tetto a prezzo petrolio russo contro l’inflazione

Washington – “Un tetto massimo per il petrolio russo è uno dei nostri strumenti più potenti per affrontare il dolore che gli americani e le famiglie di tutto il mondo stanno provando alla pompa di benzina e al negozio di alimentari in questo momento. Un limite al prezzo del petrolio russo negherebbe a Putin le entrate di cui la sua macchina da guerra ha bisogno e si baserebbe sulle sanzioni storiche che abbiamo già implementato che gli rendono più difficile condurre la sua guerra o far crescere la sua economia”. Lo ha affermato il segretario al Tesoro statunitense, Janet Yellen, in una conferenza stampa prima dell’inizio del G20 ministri delle finanze e governatori delle banche centrali a Bali. “Aiuterà anche a mantenere la fornitura globale di petrolio, aiutando a esercitare una pressione al ribasso sui prezzi per i consumatori in America e nel mondo in un momento in cui i prezzi dell’energia stanno aumentando”, ha aggiunto.

Sollecitata sul fatto che Putin possa rispondere al price cap con un taglio totale delle forniture, ha risposto: “È molto costoso, in termini di perdita immediata di entrate, che la Russia smetta di vendere petrolio all’economia globale, e avrebbe un impatto negativo sulla capacità a lungo termine della Russia se chiudesse i pozzi, per poterli riavviare. Quindi, penso la Russia continuerà ad avere un incentivo a produrre”. Yellen ha specificato che i paesi del G20 non hanno deciso quale sia un livello appropriato per il tetto al prezzo del petrolio. In linea di principio, dovrebbe essere un livello “che dia chiaramente alla Russia un incentivo a continuare a produrre, che renderebbe la produzione redditizia per la Russia”.

“Gli aumenti dei tassi della FED sono aumentati più rapidamente di quelli nel resto del mondo, il che ha avuto l’impatto di rafforzare il dollaro e portare a un certo deprezzamento delle valute dei mercati emergenti e delle economie in via di sviluppo, e ciò può avere effetti misti – ha spiegato segretario al Tesoro – Da un lato, può rafforzare la loro capacità di esportare, il che è positivo per la loro crescita. D’altra parte, nella misura in cui i paesi hanno un debito denominato in dollari, può rendere più difficili quei problemi di debito, che già sono molto gravi”. L’ex numero uno della FED ha comunque sottolineato che i vari paesi sono in posizioni diverse. “Un certo numero di paesi dei mercati emergenti sono importanti esportatori di materie prime e hanno beneficiato dell’aumento dei prezzi delle materie prime – ha aggiunto – Quindi, la politica della FED è solo uno dei numerosi fattori che influenzano le prospettive.

Latest News