14.9 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Usa, prezzi import peggio delle attese: +0,3%. Export +1,3%

I prezzi delle importazioni statunitensi sono aumentati dello 0,3% a luglio, dopo gli aumenti dell’1,1% a giugno e dell’1,3% a maggio. Il dato è peggiore delle attese degli analisti che avevano stimato una crescita dello 0,2%.

Su base annua i prezzi delle importazioni statunitensi sono aumentati del 10,2%, guidati da prezzi più elevati sia per le importazioni di combustibili che di non combustibili.

I prezzi per il carburante di importazione sono aumentati del 2,9% a luglio dopo un aumento del 5,5% a giugno e del 5,2% a maggio. I prezzi più alti sia per il petrolio che per il gas naturale hanno contribuito a tutti e 3 gli anticipi mensili. I prezzi del carburante di importazione sono aumentati del 66,5% per l’anno conclusosi a luglio. I prezzi del petrolio sono aumentati del 2,1% a luglio e del 65,5% negli ultimi 12 mesi. L’indice dei prezzi del gas naturale è aumentato del 17,1% a luglio e del 120,9% da luglio 2020 a luglio 2021; l’anticipo di 12 mesi a luglio è stato il più grande aumento annuale dall’ottobre 2005.

L’indice dei prezzi per le importazioni non combustibili è rimasto invariato a luglio, dopo un aumento dello 0,7% a giugno e un aumento dello 0,9% a maggio. A luglio, prezzi più alti per i beni strumentali; veicoli automobilistici; beni di consumo, e alimenti, mangimi e bevande compensano un calo delle forniture industriali non combustibili e dei prezzi dei materiali.

L’indice dei prezzi per le esportazioni statunitensi è aumentato dell’1,3% a luglio, dopo un aumento dell’1,2% a giugno e del 2,3% a maggio. I prezzi delle esportazioni statunitensi non sono diminuiti su base mensile da quando sono diminuiti del 3,5% nell’aprile 2020. I prezzi più alti delle esportazioni non agricole a luglio hanno più che compensato la riduzione dei prezzi delle esportazioni agricole. I prezzi delle esportazioni statunitensi sono aumentati del 17,2% per l’anno conclusosi a luglio, rispetto all’aumento del 16,9% del mese precedente.

I prezzi delle importazioni statunitensi sono aumentati dello 0,3% a luglio, dopo gli aumenti dell’1,1% a giugno e dell’1,3% a maggio. Il dato è peggiore delle attese degli analisti che avevano stimato una crescita dello 0,2%.

Su base annua i prezzi delle importazioni statunitensi sono aumentati del 10,2%, guidati da prezzi più elevati sia per le importazioni di combustibili che di non combustibili.

I prezzi per il carburante di importazione sono aumentati del 2,9% a luglio dopo un aumento del 5,5% a giugno e del 5,2% a maggio. I prezzi più alti sia per il petrolio che per il gas naturale hanno contribuito a tutti e 3 gli anticipi mensili. I prezzi del carburante di importazione sono aumentati del 66,5% per l’anno conclusosi a luglio. I prezzi del petrolio sono aumentati del 2,1% a luglio e del 65,5% negli ultimi 12 mesi. L’indice dei prezzi del gas naturale è aumentato del 17,1% a luglio e del 120,9% da luglio 2020 a luglio 2021; l’anticipo di 12 mesi a luglio è stato il più grande aumento annuale dall’ottobre 2005.

L’indice dei prezzi per le importazioni non combustibili è rimasto invariato a luglio, dopo un aumento dello 0,7% a giugno e un aumento dello 0,9% a maggio. A luglio, prezzi più alti per i beni strumentali; veicoli automobilistici; beni di consumo, e alimenti, mangimi e bevande compensano un calo delle forniture industriali non combustibili e dei prezzi dei materiali.

L’indice dei prezzi per le esportazioni statunitensi è aumentato dell’1,3% a luglio, dopo un aumento dell’1,2% a giugno e del 2,3% a maggio. I prezzi delle esportazioni statunitensi non sono diminuiti su base mensile da quando sono diminuiti del 3,5% nell’aprile 2020. I prezzi più alti delle esportazioni non agricole a luglio hanno più che compensato la riduzione dei prezzi delle esportazioni agricole. I prezzi delle esportazioni statunitensi sono aumentati del 17,2% per l’anno conclusosi a luglio, rispetto all’aumento del 16,9% del mese precedente.

Latest News

I più letti