1 C
Milano
martedì, Dicembre 7, 2021

Usa, inflazione al massimo da 30 anni. Ma il peggio potrebbe essere passato

L’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il massimo da tre decenni, con aumenti dei prezzi diffusi e considerevoli nel mese di ottobre, dai generi alimentari alle automobili, a causa della persistente carenza di offerta e della forte domanda dei consumatori.

Il Dipartimento del Lavoro ha affermato che l’indice dei prezzi al consumo è aumentato a ottobre del 6,2% rispetto a un anno fa. Nel solo mese di ottobre i prezzi sono aumentati dello 0,9%, più del doppio dello 0,4% di settembre. Questo fa sì che il tasso annuo di inflazione sia stato spinto al livello più alto da dicembre 1990, periodo in cui i prezzi globali del petrolio erano aumentati fortemente a causa dell’invasione irachena del Kuwait.

L’aumento è stato “su larga scala, con aumenti degli indici per energia, case, cibo, auto e camion nuovi e usati”, ha affermato il Dipartimento del lavoro. “L’indice energetico è aumentato del 4,8% nel mese, mentre l’indice della benzina è aumentato del 6,1% e anche gli altri principali indici della componente energetica sono aumentati, mentre l’indice alimentare è salito dello 0,9%.

Ma per quanto la situazione possa sembrare nettamente preoccupante, come riporta la Cnbc, alcuni trader ed economisti affermano che l’inflazione nei prossimi due mesi possa iniziare a scendere e che l’aumento del mese di ottobre potrebbe aver rappresentato un picco. Tale aspettativa si basa su una recente diapositiva del Baltic Dry Index, o BDI, misura delle tariffe di spedizione globali utilizzata dagli economisti come indicatore principale dell’inflazione.

“Il calo dell’indice Baltic Dry potrebbe segnalare che parte del surriscaldamento dell’economia che si è verificato si sta invertendo”, ha dichiarato alla CNBC Gus Faucher, capo economista di PNC Financial Services, in una e-mail. Il calo “è un’indicazione che forse il peggio è passato, almeno per le merci che vengono scambiate a livello internazionale”.

CNBC

Il Baltic Dry Index, che tiene traccia delle tariffe di nolo per le navi che trasportano materie prime ed è riportato quotidianamente, ha iniziato ad accelerare a gennaio, quando è passato a 2.000 da 1.350 a dicembre. Meno di due mesi dopo, l’IPC è salito al 2,6%, al di sopra dell’obiettivo di inflazione a lungo termine della Fed del 2%, e ha raggiunto il livello più alto dal 2018. Il BDI ha continuato a salire fino al 7 ottobre, quando ha raggiunto quota 5.650, il livello più alto mai raggiunto in un decennio. Da quel momento, il BDI è diminuito del 50% e di recente ha raggiunto il livello più basso da giugno, seguendo un calo delle tariffe di spedizione globali. Ciò ha portato alcuni, come Faucher, a suggerire che gli ultimi due mesi del 2021 potrebbero vedere un allentamento dell’inflazione. “L’inflazione è ancora elevata e la velocità con cui l’offerta e la domanda si rimontano varierà tra le diverse parti dell’economia”, ha affermato. “Ma sembra, nel complesso, che il peggio della corsa all’inflazione delle importazioni possa essere passato”.

Latest News

Web TV