8.8 C
Milano
sabato 26 Novembre 2022

Ue, investimenti comuni per interessi comuni: la posizione di Fabio Panetta

Bruxelles – “La nostra risposta ai nuovi shock che stiamo affrontando dovrebbe includere misure per compensare la mancanza di investimenti pubblici nel periodo tra la crisi finanziaria globale e l’inizio della pandemia. In particolare, dovremmo puntare a stimolare gli investimenti per raggiungere obiettivi, come la sicurezza energetica e la transizione verde, che costituiscono i beni pubblici europei. Ciò potrebbe assumere la forma di una capacità fiscale europea dedicata agli investimenti che si baserebbe sull’esperienza di NGEU”. Così Fabio Panetta, Membro dell’Executive Board della BCE nel suo recente intervento all’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).

Panetta ha sottolineato che prima della crisi finanziaria globale i livelli di investimento pubblico lordo erano intorno al 4% del prodotto interno lordo (PIL) in Europa. Dopo la crisi del debito sovrano, tuttavia, gli investimenti pubblici sono crollati di oltre un punto percentuale. Tenendo conto del deprezzamento dello stock di capitale, gli investimenti pubblici netti sono scesi da circa l’1% del PIL nel 2010 a circa lo 0% nel 2013. Si sono aggirati intorno a quel livello fino al 2019 e sono addirittura diventati negativi tra il 2014 e il 2017. “I governi dell’area dell’euro hanno investito circa 500 miliardi di euro in meno nel periodo 2011-19 rispetto al periodo pre-crisi 2000-2009. Gli investimenti pubblici netti nell’area dell’euro nel periodo 2011-19 sono stati i più bassi tra le economie avanzate, ad eccezione del Giappone”, ha sottolineato.

Panetta ha ricordato alcuni ambiti in cui saranno richiesti investimenti pubblici ai Paesi Ue: clima, digitalizzazione e spese Nato. “Per soddisfare queste esigenze di finanziamento, abbiamo bisogno di una strategia europea. A questo proposito, le recenti risposte delle singole politiche nazionali alla crisi energetica in corso suggeriscono che un approccio di coordinamento non è all’altezza di quanto richiesto oggi”, ha affermato. “È essenziale compiere progressi sulle nuove risorse proprie. Esiste una chiara motivazione per finanziare le politiche dell’UE con le entrate dell’UE. Un accordo sul pacchetto proposto dalla Commissione alla fine del 2021 sarebbe un gradito primo passo, anche in vista del futuro rimborso del debito NGEU – ha spiegato –. Infine, un’ulteriore emissione di debito a livello dell’UE potrebbe essere mobilitata se giustificata da shock esterni”.

“Per perseguire i nostri interessi comuni, abbiamo bisogno di investimenti comuni. Investire insieme cementerà la nostra unità. Questo perché investire nel futuro dell’Europa definisce l’Europa che vogliamo vedere – ha concluso il rappresentante della BCE –. Abbiamo ereditato una grande eredità dalla storia europea. Ma l’Europa di domani è una nostra responsabilità. Se lasciamo che siano gli altri a decidere, rischiamo di perdere ciò che apprezziamo di più: la capacità di plasmare il nostro destino”.

Latest News