0.7 C
Milano
giovedì, Gennaio 27, 2022

Turchia, lira precipita. Erdogan: “Alzare i tassi contrario all’Islam”

La lira turca è scesa ulteriormente lunedì prima di recuperare leggermente a seguito di un discorso del presidente Erdogan alla televisione di stato che ha citato l’Islam come una ragione per non aumentare i tassi di interesse nonostante la valuta sia in rapido deprezzamento e un’inflazione dilagante.

Erdogan ha ripetutamente invitato la banca centrale a ridurre i costi di finanziamento nonostante un tasso di inflazione annuo superiore al 20%. Gli economisti mainstream ritengono che l’esito degli esperimenti di Erdogan potrebbe tradursi in un’inflazione al 30% o più nei prossimi mesi.

Nelle sue osservazioni alla televisione di stato, Erdogan ha insistito sul fatto che è stato l’Islam a guidare la sua decisione nel chiedere alla banca centrale di mantenere bassi i tassi di interesse. Ha anche promesso aiuti agli esportatori e un aumento dei contributi del governo ai fondi pensione. “Come musulmano, continuerò a fare ciò che la nostra religione ci dice. Questo è il comando”, ha detto Erdogan.

Il sistema bancario islamico si basa sul concetto che l’applicazione di interessi sui prestiti o sul denaro preso in prestito è usura. Non è la prima volta che Erdogan cita l’Islam come guida delle sue decisioni di politica monetaria.

Il mese scorso, Erdogan ha anche dichiarato una “guerra economica di indipendenza”: l’obiettivo è eliminare la dipendenza della Turchia dagli investimenti diretti esteri e il costo variabile delle importazioni di energia come petrolio e gas naturale necessarie per alimentare un’economia in forte espansione.

Lira turca precipa, poi riprende quota dopo annuncio misure straordinarie

Ad un certo punto delle negoziazioni di lunedì, la lira è scesa di oltre l’11% contro il dollaro a circa 18,40, il minimo storico, prima di recuperare alcune di quelle perdite nel corso della giornata.

DOLLARO / NUOVA LIRA TURCA

Dopo che Erdogan ha parlato e fornito incentivi per incoraggiare il risparmio in lire, la lira si è rafforzata di circa il 10% e ha scambiato circa 14,90 contro il dollaro. Tuttavia, qualsiasi guadagno realizzato dalla lira arriva quando il dollaro affronta la pressione. Dall’inizio di novembre la lira è scesa del 45%.

Erdogan crede che una valuta più economica alimenterà le esportazioni, ma in un momento di aumento dell’inflazione, gli economisti tradizionali consigliano di aumentare i tassi di interesse per compensare le pressioni inflazionistiche sull’economia.

Ha nuovamente promesso di tenere a freno l’inflazione e di portarla sotto il 4%, una promessa non ancora mantenuta.

Latest News

Web TV