15 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Turchia, lira al minimo storico dopo licenziamento banchieri centrali

La lira turca ha toccato un minimo storico durante la notte dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha ordinato il licenziamento di tre membri del comitato per la politica monetaria della banca centrale (MPC) nominando due nuovi membri al loro posto.

Erdogan avrebbe liquidato i vice governatori Semih Tumen e Ugur Namik Kucuk, insieme a un altro membro del MPC, Abdullah Yavas, nominando Taha Cakmak come vice governatore della banca centrale e Yusuf Tuna come membro del MPC.

Il motivo di questo licenziamento risiderebbe nella convinzione del presidente turco di non alzare i tassi di interesse, scontrandosi con una serie di governatori poiché ha cercato di dare priorità a una crescita elevata a tutti i costi con conseguente aumento dell’inflazione. A partire dalla seconda metà 2019. Erdogan ha licenziato tre volte il capo della banca centrale e molti altri funzionari.

Dopo l’annuncio, la lira è scesa al minimo storico di 9,1900 contro il dollaro, perdendo l’1% nella giornata di oggi. Finora quest’anno si è indebolito di circa il 19%, spinto dalle preoccupazioni sulla politica monetaria. Successivamente ha pareggiato alcune delle perdite della giornata, attestandosi a 9.1325 a metà mattina.

Lira Turca/ Dollaro USA – Tradingview

Il mese scorso, la banca centrale ha inaspettatamente ridotto il suo tasso di riferimento al 18% dal 19% nonostante un’inflazione annua di quasi il 20%, innescando una nuova svendita della lira, che è stata anche colpita dal rafforzamento del dollaro rispetto ad altre valute.

Latest News

Web TV