23.8 C
Milano
venerdì 1 Luglio 2022

Starbucks chiude 130 caffè in Russia, 1% delle entrate annuali

Mosca – Starbucks, iconica catena di caffè statunitense, ha deciso di lasciare la Russia dopo 15 anni di attività nel paese. La società aveva annunciato a inizio marzo di aver sospeso le attività in Russia, mentre oggi ha comunicato che il suo marchio non sarà più attivo nel paese guidato da Vladimir Putin. Secondo un memo ai dipendenti, Starbucks ha deciso di chiudere i suoi 130 negozi, ma continuerà a pagare i suoi quasi 2.000 dipendenti russi per sei mesi, aiutandoli a passare a nuovi lavori.

I 130 store in Russia rappresentano meno dell’1% delle entrate annuali di Starbucks e non sono gestiti direttamente dall’azienda di Seattle. I negozi sono di proprietà e gestiti da Alshaya Group, un operatore in franchising con sede in Kuwait. Nei suoi ultimi risultati trimestrali pubblicati all’inizio di maggio, Starbucks non ha rivelato l’impatto finanziario della precedente decisione di sospendere le attività commerciali.

Latest News