11 C
Milano
domenica, Ottobre 17, 2021

S&P Global Ratings, al rialzo previsione crescita eurozona. Italia al 6% nel 2021

S&P Global Ratings ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita della zona euro per il 2021 al 5,1% (dal 4,4% della previsione precedente).

“Il rimbalzo dell’economia europea da quando le restrizioni sono state revocate a marzo/aprile è stato sorprendentemente forte, sia in termini di PIL che di occupazione”, ha affermato Marion Amiot, economista senior di S&P Global Ratings nel rapporto pubblicato oggi su Ratings Direct (“Economic Outlook Europe Q4 2021: A Faster-Than-Expected Liftoff”).

La forza della ripresa ha causato carenze di materiale e aumento dei prezzi delle materie prime, portandoci a rivedere al rialzo le nostre previsioni di inflazione per quest’anno al 2,2% dall’1,8%.

Tuttavia, continuiamo a vedere l’inflazione decelerare al di sotto dell’obiettivo della Banca centrale europea per il prossimo anno sulla scia di andamenti salariali contenuti e di una dinamica di crescita in calo. L’aumento transitorio dell’inflazione non è ancora motivo per la BCE di inasprire la politica monetaria, afferma il rapporto.

Mentre è probabile che la BCE interrompa gli acquisti netti di attività nell’ambito del PEPP entro la fine di marzo 2022, prevediamo che aumenterà gli acquisti netti nell’ambito del suo tradizionale programma di QE (APP) e forse lo ridefinirà.

“Di conseguenza, non ci aspettiamo che la BCE fermi gli acquisti netti totali di attività prima della fine del 2023 e quindi non ci aspettiamo aumenti dei tassi fino alla fine del 2024”, ha affermato Amiot.

Il Pil dell’Italia dovrebbe registrare una crescita al ritmo del 6% quest’anno e del 4,4% il prossimo per poi proseguire a un passo dell’1,8% nel 2023. Per quanto riguarda l’inflazione, S&P vede una crescita dei prezzi in Italia pari all’1,6% quest’anno e all’1,4% nel 2022 mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi al 10% nel 2021 e scendere al 9,3% nel 2022.

Latest News

Web TV