26.2 C
Milano
domenica 22 Maggio 2022

SdR, quasi 12 mln di investitori: il 40% boomers, media oltre 50mila euro

Milano – Si sta progressivamente annullando il divario tra uomini e donne che investono nei fondi. Oggi le donne rappresentano il 47% dei sottoscrittori italiani, rispetto al 53% degli uomini. E’ quanto emerge dall’Osservatorio sui sottoscrittori di fondi comuni realizzato da Assogestioni e presentato oggi nella terza e ultima giornata del Salone del Risparmio 2022. Complessivamente i sottoscrittori ammontano a 11,7 milioni con un incremento di donne che sta portando verso un sostanziale equilibrio tra i generi.

“Negli ultimi 20 anni – spiega lo studio – il gap è sceso da 16 a 6 punti percentuali: nel 2002 infatti gli uomini rappresentavano il 58% mentre le donne il 42%. Nel complesso, l’età media degli investitori è di 61 anni. In testa c’è la generazione dei Boomers (nati tra il 1946 e 1964), che rappresenta il 40%, seguita dalla generazione X (1964-1980) con il 28%. Le generazioni più anziane (ultra 75enni) pesano per il 19% mentre i risparmiatori più giovani si attestano al 13%.

Il valore medio generale dell’investimento in fondi è pari a 53.000 euro, ma tra le fasce più adulte (over 56) la cifra è superiore alla media e varia anche in base alla tipologia del prodotto: più basso per i sottoscrittori di fondi italiani (31.000 euro), più alto per gli investitori in fondi esteri (66.000 euro). Mediamente, il versamento unico (Pic) rimane la forma prevalente, prescelta dal 63% dei risparmiatori, mentre i piani di accumulo (Pac) e forma mista si fermano rispettivamente al 22% e al 15%. Ma più della metà dei Millennials e dei giovani della Generazione Z accedono all’investimento in fondi tramite il Pac. La maggior parte dei fondi italiani è acquistata attraverso il canale bancario (95%).

Di fronte a un’ingente somma di ricchezza parcheggiata sui conti correnti, la sfida del momento “è far sì che le persone utilizzino questa liquidità e non la lascino, in un momento particolarmente inflattivo, a giacere sui conti” ha sottolineato ieri il presidente di Assogestioni, Carlo Trabattoni. “L’inflazione è una preoccupazione che tutti noi come risparmiatori abbiamo. In più, abbiamo una guerra alle nostre porte che ci destabilizza e innesca un meccanismo di riserva che porta ad accumulare più liquidità nei conti”.

L’industria del risparmio gestito “è molto sana – ha aggiunto -, veniamo da un anno straordinario per la raccolta (93 miliardi di euro) e lavoriamo oltre 2.500 miliardi di euro. Una cifra impressionante che significa quanto le persone guardino all’industria del risparmio gestito, e ad Assogesitoni, come un punto saldo per le proprie scelte”. Nel lungo periodo per l’industria del risparmio gestito la sfida è quella di diventare “ancora più centrale nella vita dei risparmiatori”, quindi, di “dialogare ancora di più con i cittadini”, sostiene il presidente di Assogestioni, evidenziando poi l’importanza dell’innovazione che “dovrà essere la base di quello che vogliamo fare per generare nuove prodotti, ma anche nuovi modelli di comunicazione”.

Latest News