22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Russia, banca centrale alza tassi di interesse al 6,75%. “Possibili ulteriori aumenti”

La banca centrale russa ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento al 6,75%, ma ha affermato che sono possibili ulteriori aumenti dei tassi e che il tasso di riferimento potrebbe anche superare il 7% poiché l’inflazione rimane ancora abbastanza alta.

La banca centrale ha cercato di controllare l’inflazione al consumo dopo aver superato l’obiettivo alla fine del 2020, ma l’inasprimento monetario non è stato sufficiente per frenare l’aumento dei prezzi spinto dall’inflazione globale e da un rublo più debole.

Questo è il quinto aumento da quando l’inasprimento della sua politica monetaria è iniziato a marzo, quando il tasso di interesse di riferimento era ancora al 4,25 per cento.

“Se la situazione si dovesse sviluppare in linea con le previsioni di base, la Banca di Russia non esclude la possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi nelle prossime riunioni”, ha affermato il governatore Elvira Nabiullina, il quale ha anche sottolineato che “Per tornare a un’inflazione del 4% potrebbe essere necessario più di un rialzo“. Al 6 settembre l’inflazione era al 6,74%.

Tassi più alti dovrebbe aiutare a domare l’inflazione al consumo facendo salire i costi di prestito e aumentando l’attrattiva dei depositi bancari, teoricamente favorendo anche il rublo.

Un ultimo rialzo del tasso di 25 punti base quest’anno terminerà il ciclo di rialzo dei tassi al 7,00%, dopodiché la CBR rimarrà invariata per circa 6 mesi prima di iniziare i tagli dei tassi”, ha affermato Citi.

La banca centrale russa ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento al 6,75%, ma ha affermato che sono possibili ulteriori aumenti dei tassi e che il tasso di riferimento potrebbe anche superare il 7% poiché l’inflazione rimane ancora abbastanza alta.

La banca centrale ha cercato di controllare l’inflazione al consumo dopo aver superato l’obiettivo alla fine del 2020, ma l’inasprimento monetario non è stato sufficiente per frenare l’aumento dei prezzi spinto dall’inflazione globale e da un rublo più debole.

Questo è il quinto aumento da quando l’inasprimento della sua politica monetaria è iniziato a marzo, quando il tasso di interesse di riferimento era ancora al 4,25 per cento.

“Se la situazione si dovesse sviluppare in linea con le previsioni di base, la Banca di Russia non esclude la possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi nelle prossime riunioni”, ha affermato il governatore Elvira Nabiullina, il quale ha anche sottolineato che “Per tornare a un’inflazione del 4% potrebbe essere necessario più di un rialzo“. Al 6 settembre l’inflazione era al 6,74%.

Tassi più alti dovrebbe aiutare a domare l’inflazione al consumo facendo salire i costi di prestito e aumentando l’attrattiva dei depositi bancari, teoricamente favorendo anche il rublo.

Un ultimo rialzo del tasso di 25 punti base quest’anno terminerà il ciclo di rialzo dei tassi al 7,00%, dopodiché la CBR rimarrà invariata per circa 6 mesi prima di iniziare i tagli dei tassi”, ha affermato Citi.

Latest News

I più letti