17.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Robeco: Opportunità di investimento nella via cinese alla decarbonizzazione

La promessa della Cina verso la neutralità del carbonio entro il 2060 rappresenta probabilmente il più importante impegno relativo al clima preso da qualsiasi paese finora. Per prima cosa, la Cina è di gran lunga il più grande emittente di CO2 nel mondo: il paese rappresenta attualmente quasi il 30% delle emissioni globali di CO2, contro il 15% degli Stati Uniti o il 9% dell’UE. Quindi, spostare un tale paese produttore di CO2 verso la neutralità del carbonio, assicurando allo stesso tempo la prosperità economica entro i prossimi quattro decenni, richiede effettivamente sforzi enormi, e il coinvolgimento del settore pubblico e privato. Questo obiettivo non è solo una mossa tattica basata sugli accordi di Parigi, ma anche una mossa strategica per la Cina.

Ne parla Jie Lu, head of Investments China di Robeco.

“L’obiettivo è ovviamente ambizioso e pone alcune sfide perché molte cose devono essere cambiate radicalmente, ma allo stesso tempo è un obiettivo a lungo termine, dal mio punto di vista c’è tempo per cercare di realizzarlo. In Cina l’approccio dall’alto verso il basso è sempre molto importante per far partire le cose, serve a sensibilizzare i vari dipartimenti e settori, e assicura anche l’attuazione e l’esecuzione. La Cina è anche impegnata a elaborare politiche dettagliate a livello ministeriale e di governo locale quest’anno, quindi la situazione è diversa settore per settore, e regione per regione. Circa il 90% delle emissioni di CO2 della Cina proviene dalla produzione di elettricità e calore, dalle industrie e dai trasporti, dove la produzione di elettricità e calore ne rappresenta la metà. Ci sono anche importanti differenze tra questi settori, le emissioni industriali hanno raggiunto il picco quasi un decennio fa, anche se gli altri devono ancora raggiungerlo.

Allo stesso tempo ci sono anche interessi allineati nel passaggio verso un modello di crescita economica più sostenibile, una preoccupazione importante per il governo cinese. Il concetto di economia a basse emissioni di carbonio risuona promettente per l’élite del Partito, e offre anche un riconoscimento internazionale e simbolico. Saranno poi necessari enormi investimenti per consentire questa transizione, soprattutto in settori come le energie rinnovabili, l’elettrificazione, il trasporto merci e la produzione di energia nucleare. BCG ha stimato che per raggiungere nel 2050 l’obiettivo di 1,5 °C, saranno necessari 15 mila miliardi di dollari, circa il 2% del PIL accumulato dalla Cina in quel periodo.

Il cambiamento richiederà uno sforzo combinato in tre direzioni: in primo luogo uno spostamento nel mix del PIL del paese, dall’uso intensivo di carbone come nella produzione e nell’edilizia verso attività con un uso più leggero di carbone come i servizi. La struttura economica cinese sta già cambiando in meglio, dato che il graduale allontanamento dall’attività industriale è iniziato più di un decennio fa. La quota dell’attività industriale nella generazione del PIL è diminuita dal 46% nel 2006 al 40% negli ultimi anni, mentre i servizi nel 2018 rappresentavano il 52% del PIL. Questi cambiamenti sono coerenti con quelli visti nelle economie più avanzate e probabilmente continueranno nei prossimi quattro decenni, e date le emissioni di carbonio relativamente basse del settore dei servizi la transizione contribuirà automaticamente a ridurre le emissioni di carbonio. Infatti, l’intensità di carbonio della Cina è in costante diminuzione dalla metà degli anni 2000.

In secondo luogo, un cambiamento nel mix energetico del paese lontano dal carbone, che rappresenta ancora più del 60% del mix energetico. Nonostante i notevoli investimenti nell’idrogeno, nell’energia eolica e solare, la Cina rimane fortemente dipendente dai combustibili fossili, che rappresentano l’88% della fornitura totale di energia. L’ingegneria della neutralità del carbonio richiederà cambiamenti radicali nel mix energetico della Cina e l’aumento delle fonti energetiche decarbonizzate, comprese le rinnovabili come il solare e l’eolico. Secondo BCG, la quota di combustibili fossili dovrà scendere sotto il 25-30% entro il 2050 perché il paese possa raggiungere l’obiettivo della neutralità del carbonio entro il 2060.

Infine, ciò di cui la Cina ha veramente bisogno è un piano di compensazione del carbonio attraverso la riforestazione e la cattura del carbonio che giocheranno ruoli chiave perché, anche con le misure più radicali di riduzione delle emissioni, è improbabile raggiungere la decarbonizzazione senza iniziative di compensazione. Da questo punto di vista, le tecniche di cattura, neutralizzazione e stoccaggio del carbonio diventeranno probabilmente una parte indispensabile degli strumenti del governo. Inoltre, la Cina ha recentemente annunciato i dettagli del suo primo sistema nazionale di scambio di emissioni di carbonio. Con una serie di dettagli ancora da definire nei prossimi mesi, tuttavia molti passi sono stati fatti nella giusta direzione.

Dati i cambiamenti necessari, molti settori saranno colpiti. La questione chiave sarà identificare i rischi che si presentano, anche se gli investitori troveranno anche delle opportunità interessanti, e a nostro avviso ci sono più opportunità che rischi.

Ci sono tre aree su cui concentrarsi. La prima è il tema delle energie rinnovabili. La Cina ha pianificato di aumentare la produzione di energia pulita nei prossimi decenni. Entro il 2030, la quota di combustibili non fossili, come le rinnovabili e l’energia nucleare, dovrebbe raggiungere il 30% del mix energetico, rispetto al precedente obiettivo del 20%, con un rapido incremento delle capacità eoliche e solari. Nel frattempo, il costo della tecnologia eolica e solare è diventato estremamente competitivo rispetto all’energia generata dal carbone, anche senza sovvenzioni. Infatti, dopo un decennio di sovvenzioni massicce, il governo cinese si è spostato verso un meccanismo più orientato al mercato per sostenere le fonti di energia pulita, il che indica che l’industria è quasi pronta a stare in piedi da sola.

La seconda area è rappresentata dai veicoli elettrici, poiché ci si aspetta che siano uno dei maggiori vincitori della transizione. La Cina ha già il più grande mercato EV, molto più grande di quello europeo e statunitense. Entro il 2025, i veicoli elettrici costituiranno il 20% del totale di auto nuove vendute in Cina, in aumento rispetto al recente 5%. Il dominio cinese nei veicoli elettrici si espande al di là del settore principale delle autovetture, con la distribuzione globale totale di e-bus e veicoli a due ruote che rappresentano il 95% del mercato degli e-bus, con molte città cinesi con flotte di autobus completamente o quasi completamente elettrificate. Quindi la Cina dovrà anche finanziare l’espansione dell’infrastruttura di ricarica.

Infine, l’aggiornamento della rete elettrica e le tecnologie di stoccaggio dell’energia, così come l’industria dell’idrogeno rappresenteranno una parte significativa degli investimenti totali necessari per la transizione. Saranno necessarie ulteriori tecnologie di stoccaggio per regolare i problemi di variabilità intragiornaliera e stagionale inerenti all’energia eolica e solare. Da questo punto di vista, le tecnologie complementari come le batterie e l’idrogeno giocheranno probabilmente ruoli chiave, data la capacità di convertire l’elettricità in energia chimica e viceversa. La Cina è già il leader mondiale nella produzione e fabbricazione di batterie, rappresentando il 70% della capacità mondiale, seguita dagli Stati Uniti al 13% e dalla Corea del Sud al 7%. La produzione si è ripresa piuttosto rapidamente dopo Covid, e data la forte spinta per le energie rinnovabili e i veicoli elettrici, la domanda di batterie e di immagazzinamento di energia sembra destinata a crescere significativamente nei prossimi decenni.

La Cina ha anche grandi speranze e ambizioni per l’idrogeno con molti progetti in corso e prototipi in parallelo, il paese è già diventato il più grande mercato di autobus e camion a celle a combustibile nel mondo. Si stima che la Cina avrà un milione di veicoli a celle a combustibile a idrogeno sulla strada entro il 2030, e l’idrogeno rappresenterà fino al 10% nel mix energetico totale della Cina”.

La promessa della Cina verso la neutralità del carbonio entro il 2060 rappresenta probabilmente il più importante impegno relativo al clima preso da qualsiasi paese finora. Per prima cosa, la Cina è di gran lunga il più grande emittente di CO2 nel mondo: il paese rappresenta attualmente quasi il 30% delle emissioni globali di CO2, contro il 15% degli Stati Uniti o il 9% dell’UE. Quindi, spostare un tale paese produttore di CO2 verso la neutralità del carbonio, assicurando allo stesso tempo la prosperità economica entro i prossimi quattro decenni, richiede effettivamente sforzi enormi, e il coinvolgimento del settore pubblico e privato. Questo obiettivo non è solo una mossa tattica basata sugli accordi di Parigi, ma anche una mossa strategica per la Cina.

Ne parla Jie Lu, head of Investments China di Robeco.

“L’obiettivo è ovviamente ambizioso e pone alcune sfide perché molte cose devono essere cambiate radicalmente, ma allo stesso tempo è un obiettivo a lungo termine, dal mio punto di vista c’è tempo per cercare di realizzarlo. In Cina l’approccio dall’alto verso il basso è sempre molto importante per far partire le cose, serve a sensibilizzare i vari dipartimenti e settori, e assicura anche l’attuazione e l’esecuzione. La Cina è anche impegnata a elaborare politiche dettagliate a livello ministeriale e di governo locale quest’anno, quindi la situazione è diversa settore per settore, e regione per regione. Circa il 90% delle emissioni di CO2 della Cina proviene dalla produzione di elettricità e calore, dalle industrie e dai trasporti, dove la produzione di elettricità e calore ne rappresenta la metà. Ci sono anche importanti differenze tra questi settori, le emissioni industriali hanno raggiunto il picco quasi un decennio fa, anche se gli altri devono ancora raggiungerlo.

Allo stesso tempo ci sono anche interessi allineati nel passaggio verso un modello di crescita economica più sostenibile, una preoccupazione importante per il governo cinese. Il concetto di economia a basse emissioni di carbonio risuona promettente per l’élite del Partito, e offre anche un riconoscimento internazionale e simbolico. Saranno poi necessari enormi investimenti per consentire questa transizione, soprattutto in settori come le energie rinnovabili, l’elettrificazione, il trasporto merci e la produzione di energia nucleare. BCG ha stimato che per raggiungere nel 2050 l’obiettivo di 1,5 °C, saranno necessari 15 mila miliardi di dollari, circa il 2% del PIL accumulato dalla Cina in quel periodo.

Il cambiamento richiederà uno sforzo combinato in tre direzioni: in primo luogo uno spostamento nel mix del PIL del paese, dall’uso intensivo di carbone come nella produzione e nell’edilizia verso attività con un uso più leggero di carbone come i servizi. La struttura economica cinese sta già cambiando in meglio, dato che il graduale allontanamento dall’attività industriale è iniziato più di un decennio fa. La quota dell’attività industriale nella generazione del PIL è diminuita dal 46% nel 2006 al 40% negli ultimi anni, mentre i servizi nel 2018 rappresentavano il 52% del PIL. Questi cambiamenti sono coerenti con quelli visti nelle economie più avanzate e probabilmente continueranno nei prossimi quattro decenni, e date le emissioni di carbonio relativamente basse del settore dei servizi la transizione contribuirà automaticamente a ridurre le emissioni di carbonio. Infatti, l’intensità di carbonio della Cina è in costante diminuzione dalla metà degli anni 2000.

In secondo luogo, un cambiamento nel mix energetico del paese lontano dal carbone, che rappresenta ancora più del 60% del mix energetico. Nonostante i notevoli investimenti nell’idrogeno, nell’energia eolica e solare, la Cina rimane fortemente dipendente dai combustibili fossili, che rappresentano l’88% della fornitura totale di energia. L’ingegneria della neutralità del carbonio richiederà cambiamenti radicali nel mix energetico della Cina e l’aumento delle fonti energetiche decarbonizzate, comprese le rinnovabili come il solare e l’eolico. Secondo BCG, la quota di combustibili fossili dovrà scendere sotto il 25-30% entro il 2050 perché il paese possa raggiungere l’obiettivo della neutralità del carbonio entro il 2060.

Infine, ciò di cui la Cina ha veramente bisogno è un piano di compensazione del carbonio attraverso la riforestazione e la cattura del carbonio che giocheranno ruoli chiave perché, anche con le misure più radicali di riduzione delle emissioni, è improbabile raggiungere la decarbonizzazione senza iniziative di compensazione. Da questo punto di vista, le tecniche di cattura, neutralizzazione e stoccaggio del carbonio diventeranno probabilmente una parte indispensabile degli strumenti del governo. Inoltre, la Cina ha recentemente annunciato i dettagli del suo primo sistema nazionale di scambio di emissioni di carbonio. Con una serie di dettagli ancora da definire nei prossimi mesi, tuttavia molti passi sono stati fatti nella giusta direzione.

Dati i cambiamenti necessari, molti settori saranno colpiti. La questione chiave sarà identificare i rischi che si presentano, anche se gli investitori troveranno anche delle opportunità interessanti, e a nostro avviso ci sono più opportunità che rischi.

Ci sono tre aree su cui concentrarsi. La prima è il tema delle energie rinnovabili. La Cina ha pianificato di aumentare la produzione di energia pulita nei prossimi decenni. Entro il 2030, la quota di combustibili non fossili, come le rinnovabili e l’energia nucleare, dovrebbe raggiungere il 30% del mix energetico, rispetto al precedente obiettivo del 20%, con un rapido incremento delle capacità eoliche e solari. Nel frattempo, il costo della tecnologia eolica e solare è diventato estremamente competitivo rispetto all’energia generata dal carbone, anche senza sovvenzioni. Infatti, dopo un decennio di sovvenzioni massicce, il governo cinese si è spostato verso un meccanismo più orientato al mercato per sostenere le fonti di energia pulita, il che indica che l’industria è quasi pronta a stare in piedi da sola.

La seconda area è rappresentata dai veicoli elettrici, poiché ci si aspetta che siano uno dei maggiori vincitori della transizione. La Cina ha già il più grande mercato EV, molto più grande di quello europeo e statunitense. Entro il 2025, i veicoli elettrici costituiranno il 20% del totale di auto nuove vendute in Cina, in aumento rispetto al recente 5%. Il dominio cinese nei veicoli elettrici si espande al di là del settore principale delle autovetture, con la distribuzione globale totale di e-bus e veicoli a due ruote che rappresentano il 95% del mercato degli e-bus, con molte città cinesi con flotte di autobus completamente o quasi completamente elettrificate. Quindi la Cina dovrà anche finanziare l’espansione dell’infrastruttura di ricarica.

Infine, l’aggiornamento della rete elettrica e le tecnologie di stoccaggio dell’energia, così come l’industria dell’idrogeno rappresenteranno una parte significativa degli investimenti totali necessari per la transizione. Saranno necessarie ulteriori tecnologie di stoccaggio per regolare i problemi di variabilità intragiornaliera e stagionale inerenti all’energia eolica e solare. Da questo punto di vista, le tecnologie complementari come le batterie e l’idrogeno giocheranno probabilmente ruoli chiave, data la capacità di convertire l’elettricità in energia chimica e viceversa. La Cina è già il leader mondiale nella produzione e fabbricazione di batterie, rappresentando il 70% della capacità mondiale, seguita dagli Stati Uniti al 13% e dalla Corea del Sud al 7%. La produzione si è ripresa piuttosto rapidamente dopo Covid, e data la forte spinta per le energie rinnovabili e i veicoli elettrici, la domanda di batterie e di immagazzinamento di energia sembra destinata a crescere significativamente nei prossimi decenni.

La Cina ha anche grandi speranze e ambizioni per l’idrogeno con molti progetti in corso e prototipi in parallelo, il paese è già diventato il più grande mercato di autobus e camion a celle a combustibile nel mondo. Si stima che la Cina avrà un milione di veicoli a celle a combustibile a idrogeno sulla strada entro il 2030, e l’idrogeno rappresenterà fino al 10% nel mix energetico totale della Cina”.

Latest News

I più letti