4.4 C
Milano
martedì 6 Dicembre 2022

Poste Vita, OPA su Net Insurance: 9,5 euro ad azione, missione delisting

Milano – Poste Vita, la compagnia assicurativa vita del Gruppo Poste Italiane, ha deciso di promuovere un’offerta pubblica di acquisto (OPA) volontaria totalitaria per cassa sulle azioni ordinarie e sui Warrant di Net Insurance, compagnia assicurativa che lo scorso agosto è passata da Euronext Growth Milan a Euronext STAR Milan. La società obiettivo è dedicata alle coperture assicurative connesse al mondo del credito e, in particolare, dei prestiti assistiti dalla cessione del quinto dello stipendio o della pensione (CQ), alla protezione (tramite la bancassicurazione danni / non auto e tramite una rete di broker) e (in misura molto limitata) all’insurtech, grazie ad accordi con partner tecnologici. Net Insurance ha chiuso il 2021 con premi lordi pari a 149 milioni di euro e un utile netto normalizzato pari a 11,5 milioni di euro.

L’obiettivo di Poste Vita è il delisting di Net Insurance da Piazza Affari e la trasformazione della società nel “centro di competenza” del gruppo assicurativo per i prodotti assicurativi legati alla CQ e fabbrica prodotto di riferimento con riguardo alla distribuzione di prodotti assicurativi su reti terze, con particolare riferimento alle reti bancarie (i cosiddetti accordi di bancassurance). Il corrispettivo che sarà offerto per ciascuna azione è pari a 9,50 euro (corrispondente a un premio del 28% sulla media ponderata dei prezzi ufficiali giornalieri di Borsa Italiana dell’ultimo mese) e il corrispettivo che sarà offerto per ciascun warrant è pari a 4,81 euro (corrispondente ad un premio del 60% sulla media ponderata dei prezzi ufficiali giornalieri di Borsa Italiana dell’ultimo mese).

IBL Banca, attuale azionista di Net Insurance con una partecipazione pari al 26,64%, e l’amministratore delegato di Net Insurance Andrea Battista hanno assunto specifici impegni di adesione alle offerte e saranno considerati come persone che agiscono di concerto. Inoltre, il manager ha assunto l’impegno di non portare in adesione all’offerta sulle azioni 400.000 azioni detenute in Net Insurance. A completamento dell’operazione, è previsto che il manager mantenga una partecipazione pari a circa il 2% del capitale di Net Insurance, e che IBL (dopo aver aderito alle offerte) acquisti una partecipazione pari al 40% del capitale della società veicolo che promuoverà l’OPA.

Latest News