21.3 C
Milano
sabato 28 Maggio 2022

Orange-MásMóvil, trattative esclusive per la fusione in Spagna

Milano – La società francese Orange e la spagnola MásMóvil hanno annunciato oggi attraverso un comunicato che sono entrate in un periodo di negoziati esclusivi per fondere le loro attività di telefonia nel Paese iberico. Secondo quanto riferito dal quotidiano “Cinco Dias”, l’entità risultante sarebbe una joint venture al 50 per cento con una valutazione di 19,6 miliardi di euro. Orange in Spagna è valutata a 8,1 miliardi di euro, mentre MásMóvil 11,5 miliardi di euro. La fusione sarebbe la più grande transazione del genere nel mercato spagnolo da decenni e ridurrebbe il numero di operatori di rete mobile principali da quattro a tre. Orange è attualmente il secondo operatore, mentre MásMóvil si è rafforzata nel 2021 come quarto operatore, dopo l’acquisto di Euskaltel. L’integrazione lascerebbe Vodafone come terzo operatore, ma con una posizione minore rispetto a Telefónica e alla nuova Orange-MásMóvil.

La joint venture integrerebbe i beni e le infrastrutture di entrambe le aziende in Spagna, basandosi sui loro modelli di business complementari. La transazione dovrebbe essere firmata durante il secondo trimestre del 2022 e completata nel secondo trimestre del 2023 in attesa delle approvazioni normative, concorrenziali e amministrative. “Sono molto contento di creare questa joint venture con MásMóvil, basandosi sulla nostra lunga e proficua collaborazione per diventare un concorrente più forte, capace di fare i significativi investimenti necessari per sviluppare pienamente il mercato spagnolo”, ha affermato Stéphane Richard, presidente e amministratore delegato di Orange.

Latest News