13.3 C
Milano
domenica, Ottobre 17, 2021

Mercati, Pimco: “A che punto siamo? Gli indizi della Fed”

Il Beige book della Federal Reserve per il mese di agosto ha fornito una buona serie di indizi per interpretare la recente debolezza relativa dei dati macroeconomici. A tal proposito presentiamo di seguito il commento di Geraldine Sundstrom, managing director e portfolio manager di PIMCO.

Geraldine Sundstrom, managing director e portfolio manager di PIMCO

Il messaggio è stato piuttosto chiaro e inequivocabile: laddove l’attività è in calo o sta rallentando, è per lo più dovuto alla ripresa del COVID-19, alle interruzioni dell’offerta o alla carenza di manodopera, piuttosto che all’indebolimento della domanda. Inoltre, le imprese rimangono ottimiste sulle prospettive a breve termine. La National Retail Federation ha fatto eco al messaggio affermando che la moderazione è in gran parte dovuta a confronti più difficili e alla chiusura dei porti/interruzioni della catena di fornitura, piuttosto che a una decelerazione della domanda. Infine, l’indicatore della spesa totale con carta di credito della Bank of America su una media mobile di 3 settimane (per smussare gli effetti del calendario del Labor Day) è a +12,8% anno su anno (a/a) sopra il 2020 e 16,2% sopra il 2019, che rimane un ritmo robusto.

Dall’altro lato dell’equazione, i dati sulle esportazioni di agosto per la Cina e Taiwan hanno sorpreso entrambi al rialzo, soprattutto alla luce della variante Delta e della chiusura dei porti. Le esportazioni cinesi sono arrivate a +25,6% a/a contro le aspettative di +17,3% a/a, mentre Taiwan ha battuto di 3,5 punti percentuali a +26,5% a/a. Non è quindi del tutto sorprendente che l’indice composito mondiale per i costi di spedizione dei container abbia registrato un altro nuovo massimo, in crescita dell’1% a/a e per la prima volta in eccesso di 10.000 dollari. Abbiamo inoltre notato la settimana scorsa, tramite il nostro monitoraggio satellitare della congestione dei porti, che il porto di Los Angeles sta raggiungendo nuovi livelli mai visti di congestione e arretrati. A peggiorare le cose, il clima continua a creare scompiglio nel sud-est asiatico dove il tifone Chanthu (Cat5 Atlantic Strength e il più forte di quest’anno) sta interrompendo le operazioni portuali a Taiwan e in Cina, mentre il Vietnam viene colpito da due tempeste tropicali.

Il punto fondamentale è che ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che il sistema possa superare le interruzioni di COVID e la volatilità del tempo. Ma c’è un’ulteriore considerazione. È importante tenere a mente che i grandi progetti infrastrutturali sponsorizzati dal governo non sono ancora iniziati. Molti aspetti di questi progetti probabilmente si baseranno pesantemente su lunghe rotte commerciali principalmente dall’Asia all’Europa o agli Stati Uniti, così come grandi quantità di manodopera. Il Bipartisan Infrastructure Deal non è ancora stato votato (è atteso per fine settembre, con potenzialmente altro nel secondo pacchetto infrastrutture) e in Europa le cose stanno per accelerare radicalmente nei prossimi trimestri. Infatti, il 73% dei 750 miliardi di euro dei fondi europei per la ripresa sono stati richiesti dagli Stati membri, e il 61% ha ricevuto il via libera dalla Commissione europea, ma solo il 13% è stato effettivamente pagato a fine agosto. La maggior parte di questi fondi (57% minimo) devono essere diretti al Clima e al Digitale e la Mobilità Verde è il maggior vincitore. Mentre il boom delle riaperture si esaurisce, è probabile che vedremo altri fattori a sostegno della domanda, come la ricostruzione delle scorte, il ritardo delle spese in conto capitale da parte delle aziende che erano per lo più in modalità di gestione della crisi, e i grandi progetti infrastrutturali da Europa, Stati Uniti, Cina e più tardi, Giappone, dato che la campagna elettorale è piena di promesse fiscali. Guardando al futuro, l’Agenzia Internazionale dell’Energia stima che il raggiungimento degli obiettivi di emissioni nette zero richiederà un extra di 2,5 trilioni di dollari di investimenti all’anno a livello globale, che rappresenta un raddoppio della formazione lorda di capitale e un impatto sostanziale sul PIL mondiale per gli anni a venire.

Questa spinta alla domanda persisterà per qualche tempo, e riteniamo che il tapering da parte delle banche centrali non sia sufficiente a far deragliare questi forti venti di coda ciclici. Ci sono interruzioni, carenze e sabbia negli ingranaggi, ma il ciclo futuro sembra lungo e probabilmente rimarrà sostenuto dalle banche centrali, anche perché dopo l’emergenza pandemica, il mondo sta affrontando un’emergenza climatica.

Latest News

Web TV