16.9 C
Milano
sabato 1 Ottobre 2022

L’euro torna a bucare la parità sul dollaro

Milano – L’euro torna a bucare la parità con il dollaro, per la prima volta dal 14 luglio. La valuta unica è scesa fino a 0,9988 sul biglietto verde nel corso della mattina, prima di recuperare terreno. La debolezza odierna risente della prospettiva del blocco dei flussi del gas russo dal 31 agosto al 2 settembre annunciata venerdì da Gazprom. L’annuncio sta sollevando nuovamente preoccupazioni sul fatto che il collegamento non tornerà in servizio come previsto dopo i lavori, con prospettive molto negative per l’economia europea.

“Forti dati macroeconomici di secondo livello e un deciso respingimento da parte dei funzionari della FED contro qualsiasi nozione di “svolta dovish” hanno spinto i tassi statunitensi al rialzo la scorsa settimana e questo a sua volta ha rafforzato il dollaro – commentano gli analisti di Ebury – Questa settimana, gli indici PMI vengono pubblicati martedì, come altrove. Tuttavia, in genere fanno meno successo negli Stati Uniti. I mercati guarderanno al rapporto sull’inflazione PCE nel corso della settimana per corroborare le buone notizie dal rapporto CPI”.

L’attenzione degli investitori internazionali è anche puntata su Jackson Hole, cittadina del Wyoming che torna al centro della cronaca finanziaria ogni fine estate, per il Simposio dei banchieri centrali. In particolare, il discorso del presidente Powell di venerdì potrebbe offrire un po’ di chiarezza sulla velocità dei prossimi rialzi dei tassi e sulle sue aspettative su quanto alti dovranno salire i tassi prima che l’inflazione sia riportata sotto controllo. Il rafforzamento del dollaro non è comunque solo nei confronti dell’euro. L’US dollar index, un indice del valore del dollaro statunitense in relazione a un paniere di valute straniere, scambia ai massimi degli ultimi quaranta giorni. Il dollar index si muove in rialzo dello 0,14% a quota 108,3.

Latest News