26.2 C
Milano
domenica 22 Maggio 2022

La “guerra” Acs-Benetton può gonfiare l’operazione Atlantia

Madrid – La strategia del presidente di Acs, Florentino Perez, ha reso l’operazione di acquisto di Atlantia molto più costosa visto che le azioni della società sono salite di quasi il 20 per cento in pochi giorni. Lo riferisce il quotidiano economico-finanziario spagnolo “Merca 2”, evidenziando come il prezzo ad azione si è fissato a circa 24 euro, il 60 per cento in più rispetto a un mese fa ed il 25 per cento al di sopra del prezzo obiettivo dato dalle banche d’investimento. Le cifre dell’operazione di acquisto di Atlantia sono valutate in circa 50 miliardi di euro, se si include il suo debito.

La “guerra” tra Acs ed i Benetton, scrive “Merca 2”, potrebbe far lievitare ulteriormente il costo dell’operazione e la soluzione finale potrebbe essere ancora una volta un “patto di non aggressione” che includa, per esempio, l’uscita di Atlantia dal mercato azionario sotto il controllo di entrambe le imprese. Un fatto che è già accaduto con Abertis cinque anni fa. Questo è lo scenario più confacente a Perez, ma richiede anche una dura battaglia che dovrebbe far salire il prezzo dell’azienda italiana al punto da renderla molto poco attraente per i fondi di investimento a breve termine come Blackstone.

Per raggiungere quest’obiettivo, l’impresa di costruzioni spagnola si è assicurata di avere risorse sufficienti, sia per superare i suoi rivali o per soddisfare un possibile pagamento in un accordo. Il passo chiave è stata la vendita della sua divisione industriale (Cobra) al gruppo francese Vinci per circa 4,9 miliardi di euro che ha generato una plusvalenza netta di circa 2,9 miliardi di euro. Inoltre Acs dovrebbe ricevere a breve circa 600 milioni in più sotto forma di dividendo da Atlantia. Acs sembra essere in una posizione migliore che mai per tentare un assalto ad Atlantia e questo è ciò che il mercato ha percepito e ha dato credito a questa possibilità, il che spiega anche perché i Benetton sono disposti ad andare così lontano, conclude “Merca 2”.

Latest News