0.7 C
Milano
giovedì, Gennaio 27, 2022

Inflazione Usa, aumento maggiore dal 1982. Fed potrebbe aumentare tassi interesse già in primavera

Nuovo rialzo per l’inflazione negli Stati Uniti, con i prezzi al consumo saliti dello 0,8% a novembre, superando le attese, e del 6,8% su base annua.

Per il Dipartimento del Lavoro, si tratterebbe dell’aumento maggiore dal 1982.

Escludendo i prezzi di cibo ed energia, il cosiddetto CPI core è aumentato dello 0,5% per il mese e del 4,9% rispetto a un anno fa, che a sua volta è stato il più forte aumento dalla metà del 1991, come sottolinea la CNBC.

I prezzi dell’energia sono aumentati del 33,3% da novembre 2020, compreso un aumento del 3,5% a novembre. La sola benzina è in aumento del 58,1%. I prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 6,1% nel corso dell’anno, mentre i prezzi delle auto usate e dei camion, uno dei principali responsabili dell’esplosione dell’inflazione, sono aumentati del 31,4%, dopo un aumento del 2,5% il mese scorso. I costi degli alloggi, che rappresentano circa un terzo del CPI, sono aumentati del 3,8% su base annua, il valore più alto dal 2007 con l’accelerazione della crisi abitativa.

I mercati hanno reagito positivamente al rapporto, con i future sull’indice azionario di Wall Street in aumento, mentre sono aumentati anche i rendimenti dei titoli di stato. Alcuni analisti avevano stimato un’inflazione ancora più acuta superiore al 7%.

INDICE DOW JONES INDUSTRIAL AVERAGE – Tradingview

Sebbene la retribuzione lorda sia aumentata del 4,8% nell’ultimo anno, la retribuzione oraria media reale che tiene conto dell’inflazione è diminuita di un altro 0,4% a novembre e dell’1,9% per il periodo di 12 mesi, ha affermato il Dipartimento del Lavoro in un comunicato separato. Mentre gran parte dell’inflazione dell’era della pandemia è derivata dall’impennata della domanda di prodotti come veicoli e altri beni di lunga durata, anche l’inflazione dei servizi è in aumento. Escludendo l’energia, i costi dei servizi sono aumentati dello 0,4% a novembre e sono aumentati del 3,4% per i 12 mesi, il ritmo annuale più rapido nell’aprile 2007. Anche i costi dell’abbigliamento sono stati notevolmente più elevati per il mese, in aumento dell’1,3% per il mese e del 5% per l’anno, in vista della stagione dello shopping natalizio. Alcuni economisti, tuttavia, pensano che l’inflazione sia vicina al suo picco, in particolare con il calo dei prezzi dell’energia nelle ultime settimane.

INDICE S&P 500 – Tradingview

Con le richieste di disoccupazione al ritmo più basso dal 1969 e il prodotto interno lordo che dovrebbe mostrare forti guadagni alla fine del 2021 dopo un terzo trimestre poco brillante, l’inflazione rimane il problema principale per la ripresa. La Federal Reserve sta osservando da vicino i dati in vista della riunione di due giorni della prossima settimana. I funzionari della banca centrale hanno indicato che inizieranno a rallentare l’aiuto che stanno fornendo nel tentativo di ridurre l’inflazione. Gli investitori si aspettano ampiamente che la Fed raddoppi il tapering dei suoi acquisti di asset a $ 30 miliardi al mese, probabilmente a partire da gennaio. Ciò consentirebbe alla Fed di iniziare ad aumentare i tassi di interesse già dalla prossima primavera.

Latest News

Web TV