1 C
Milano
sabato 28 Gennaio 2023

Imprese italiane sopra la media per ricorso a finanziamenti esterni: tutti i numeri dell’Indagine BEI

Milano – I finanziamenti da fonti interne rappresentano ancora la quota maggiore di finanziamento per le imprese dell’Unione europea (65%), seguito dal finanziamento esterno (28%). Il ricorso al finanziamento infragruppo ha rappresentato, in media, il 7% degli investimenti complessivi delle imprese dell’UE. È quanto emerge dell’edizione 2022 dell’Indagine sugli investimenti della Banca europea per gli investimenti (BEI), l’istituzione finanziaria che eroga finanziamenti a lungo termine per investimenti validi al fine di contribuire agli obiettivi strategici dell’UE. Negli Stati Uniti, le imprese hanno fatto affidamento in misura ancora maggiore sulla finanza interna (70% del totale degli investimenti). Inoltre, le fonti di finanziamento differiscono a seconda delle dimensioni dell’impresa, con le grandi imprese che finanziano una quota maggiore dei loro investimenti attraverso finanziamenti infragruppo rispetto alle PMI (11% contro 4%). La quota di finanziamento esterno è più alta in Francia (40%), seguita da Italia e Spagna (entrambe 34%) e più bassa nei Paesi Bassi (11%) e Svezia (14%).

Utilizzo di finanziamenti esterni. Circa il 45% delle imprese che hanno investito nell’ultimo esercizio finanziario ha finanziato parte dei propri investimenti attraverso finanziamenti esterni. Questo è stato inferiore rispetto al 2021 (55%). Il settore delle infrastrutture ha registrato la quota più alta di imprese che hanno utilizzato finanziamenti esterni (51%) nell’ultimo esercizio finanziario. Più della metà delle imprese in Italia (56%), Francia (53%), Spagna (53%), Romania (52%) e Polonia (51%) ha finanziato almeno parte dei propri investimenti attraverso finanziamenti esterni.

Accesso a finanziamenti bancari. Il finanziamento bancario è stato una fonte di finanziamento per circa l’82% delle imprese dell’UE che utilizzavano finanziamenti esterni, una quota simile a quella degli Stati Uniti (83%). Circa il 32% delle imprese dell’UE che utilizzano finanziamenti esterni ha ricevuto finanziamenti bancari a condizioni agevolate. Questo è molto più che negli Stati Uniti, dove solo il 10% delle imprese che utilizzano finanziamenti esterni ha ricevuto finanziamenti bancari a condizioni agevolate. Esistono grandi differenze tra i paesi dell’UE, con le imprese in Spagna (58%), Portogallo (51%) e Italia (51%) che hanno maggiori probabilità di ricevere finanziamenti bancari a condizioni agevolate e le imprese in Lettonia, Finlandia e Francia le meno probabili (5%, 6% e 6%, rispettivamente).

Quota di imprese con finanziamento da sovvenzioni. Circa il 21% delle aziende europee che utilizzano finanziamenti esterni ha ricevuto sovvenzioni (contro il 16% negli Stati Uniti). Le imprese che ricevono sovvenzioni nell’UE hanno finanziato in questo modo circa il 33% dei loro investimenti (contro il 30% negli Stati Uniti). “L’ampia percentuale di imprese che ricevono sovvenzioni è probabilmente guidata dalle imprese che hanno ricevuto sostegno finanziario nel contesto del COVID-19 (24% contro il 15% delle imprese che non hanno ricevuto sostegno finanziario)”, viene sottolineato nel rapporto.

A livello continentale, le imprese dell’Unione europea sono riuscite ad attraversare il travagliato periodo della pandemia con risultati migliori del previsto, anche se oggi devono fare i conti con nuovi enormi shock che mettono alla prova la loro capacità di resilienza. Nonostante ciò, sono poche le imprese che nel 2022 si attendono risultati peggiori rispetto a quelli pre-pandemia, grazie all’ampio e celere sostegno politico e al forte rimbalzo della domanda intervenuti nella prima metà dell’anno. In particolare, l’84% delle aziende prevede che le vendite del 2022 tornino almeno ai livelli pre-pandemia. “Viviamo in un periodo di incertezza attraversato da ripetuti shock: la resilienza delle imprese è messa alla prova – ha dichiarato Debora Revoltella, capo economista della BEI – Durante la pandemia le imprese dell’Unione europea si sono impegnate nella trasformazione e ora utilizzano tecnologie digitali avanzate a un grado comparabile a quello delle imprese statunitensi. Le imprese dell’UE hanno investito sempre di più nell’azione per il clima. Il nuovo shock dovrebbe agire da ulteriore stimolo. La risposta allo shock energetico dovrebbe gettare le basi per un mercato dell’energia dell’UE più efficiente e affidabile e deviare i finanziamenti verso l’innovazione verde”.

Dopo il crollo del 2022, gli investimenti hanno iniziato a riprendersi dall’inizio del 2021 fino al secondo trimestre del 2022 (le interviste per il report sono state realizzate da aprile e luglio 2022). Tuttavia, con gli investimenti del settore aziendale ancora inferiori rispetto al quarto trimestre del 2019 e gli investimenti delle famiglie vulnerabili, il nuovo shock innescato dal conflitto Russia-Ucraina peserà nuovamente sui livelli di investimento aggregati. In sostanza, crisi energetica, inflazione e irrigidimento della politica monetaria rischiano di porre gli investimenti delle imprese su una traiettoria negativa. I livelli di investimento nel secondo trimestre del 2022 sono diminuiti o sono rimasti stabili in molti paesi rispetto all’ultimo trimestre del 2019, con alcune eccezioni positive come Danimarca, Italia, Irlanda e Svezia, dove i livelli di investimento sono aumentati di oltre il 10%. La quota di imprese dell’UE che hanno investito nel 2021 è rimasta relativamente stabile rispetto al 2020 (81%), al di sotto delle quote pre-pandemia (circa 86%). Tuttavia, le imprese dell’UE avevano aspettative positive sugli investimenti per l’intero 2022, con il 20% in più di imprese che prevedeva di aumentare anziché diminuire gli investimenti.

Le imprese non hanno segnalato gravi lacune negli investimenti, con l’80% che ha affermato che le proprie attività di investimento negli ultimi tre anni erano state l’importo giusto, in modo simile a EIBIS 2021. Guardando al prossimo triennio, gli investimenti in interventi di sostituzione rimangono la priorità principale per gli investimenti delle imprese (35% delle imprese), mentre la quota di imprese che privilegia l’espansione della capacità e gli investimenti in nuovi prodotti o servizi è rimasta abbastanza stabile (rispettivamente 29% e 24%). La quota di imprese senza piani di investimento è leggermente aumentata (11% contro 9% in EIBIS 2021). Quasi un terzo delle imprese dell’UE (34%) ha sviluppato o introdotto nuovi prodotti, processi o servizi nel quadro delle proprie attività di investimento, una percentuale analoga a quella dell’EIBIS 2021 (36%). I dati dell’Indagine EIBIS di quest’anno indicano anche un divario crescente nell’innovazione tra UE e Stati Uniti, con una percentuale inferiore del 19% di imprese europee che dedicano investimenti nel settore.

Dal report della BEI emerge anche che le imprese hanno sottolineato che la disponibilità di finanziamenti esterni stava peggiorando nel breve termine, anche più che al culmine della pandemia. In peggioramento anche le prospettive per la disponibilità di finanziamenti interni per investimenti (passando quindi da un miglioramento netto a uno stabile). È iniziata a salire anche la quota di imprese soggette a vincoli di finanziamento (6,2% nel 2022 rispetto al 4,7% nel 2021). Gli ostacoli a investimenti a lungo termine. L’incertezza e la mancanza di competenze continuano a svolgere un ruolo importante come impedimenti per gli investimenti a lungo termine, con il 78% e l’85% delle imprese, rispettivamente, che menzionano questi fattori come vincoli. Rispetto a tutte le precedenti ondate EIBIS, si è registrato un aumento della quota di imprese che dichiarano i costi energetici come un vincolo per gli investimenti (82%), in particolare quelle che lo vedono come un ostacolo importante (59%).

I maggiori ostacoli a lungo termine agli investimenti delle imprese nell’Unione europea sono la disponibilità di personale qualificato (85%), i costi energetici (82%) e l’incertezza sul futuro (78%), in una situazione simile a quella degli Stati Uniti.La principale novità rispetto all’anno precedente è la barriera relativa ai costi energetici. Le imprese dell’UE, in particolare, percepiscono questo come un grosso ostacolo, sottolinea il rapporto basato su interviste a 13 mila aziende realizzate da aprile e luglio 2022. Come l’anno precedente, una delle principali differenze tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti è la barriera all’accesso ai finanziamenti, che viene segnalata più frequentemente come barriera dalle imprese dell’UE che dalle imprese statunitensi.

Al contrario, le aziende negli Stati Uniti tendono a segnalare più frequentemente rispetto alle aziende dell’UE gli ostacoli legati alle normative aziendali e del mercato del lavoro, nonché a infrastrutture di trasporto adeguate. Alla domanda sulle loro attività di investimento, le società percepiscono ciascuno dei seguenti come un ostacolo in queste percentuali: domanda di prodotti o servizi (UE 52%, Italia 65%), disponibilità di personale qualificato (UE 85%, Italia 75%), costi energetici (UE 82%, Italia 88%), infrastruttura digitale (UE 44%, Italia 53%), regolamentazione del lavoro (UE 60%, Italia 71%), regolamentazione pe le aziende (UE 61%, Italia 64%), infrastrutture di trasporto (UE 48%, Italia 64%), disponibilità di finanziamento (UE 43%, Italia 51%), incertezza sul futuro (UE 78%, Italia 88%).

Latest News