28.9 C
Milano
giovedì 30 Giugno 2022

Immobiliare, parola d’ordine: riqualificare per crescere

Milano – La riqualificazione degli edifici, pubblici e privati, come opportunità per incrementare la “ricchezza” immobiliare degli italiani e supportare la crescita economica dell’Italia. Se n’è parlato anche nell’ultimo tavolo tecnico promosso sul tema dall’Abi, a proposito del progetto “Greenroad – Growing Energy Efficiency Through National Roundtables Addresses”, finanziato dalla Commissione Europea. Ma le soluzioni sono ormai note da tempo.

Le mosse concrete per raggiungere l’obiettivo di ristrutturare l’incredibile patrimonio già in nostro possesso, anziché continuare a tirar su edifici invenduti, sono: 1) messa in sicurezza e riqualificazione energetica degli immobili, attraverso diversi strumenti quali il “superbonus” e i fondi di garanzia nazionali; 2) l’ampliamento delle possibilità di accesso ai database nazionali sugli Attestati di prestazione energetica (APE) per poter acquisire informazioni, in maniera automatizzata, sul grado di performance energetica degli immobili per favorire l’erogazione dei cosiddetti “mutui green”; 3) la condivisione dell’ultimo aggiornamento delle “Linee Guida per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie” in cui si sono rafforzate ulteriormente trasparenza e correttezza delle procedure di stima anche al fine di tener conto della valorizzazione dei fattori Ambientali, Sociali e di Governance (Environmental, Social and Governance – ESG) nella valutazione immobiliare; 4) il monitoraggio del percorso legislativo relativo alla proposta di revisione europea della “Direttiva sulla prestazione energetica nell’edilizia”, al fine di stimolare l’adozione di misure specifiche volte ad accelerare il ritmo delle ristrutturazioni, contribuendo a conseguire gli obiettivi fissati per l’efficienza energetica tenendo conto delle caratteristiche del patrimonio immobiliare nazionale.

L’importante, adesso, è lavorare per individuare misure, buone pratiche e soluzioni di finanziamento più idonee ed efficaci per stimolare gli investimenti in efficienza energetica; in particolare il miglioramento della bancabilità dei progetti di efficienza energetica, attraverso specifiche attività di formazione rivolte agli interlocutori coinvolti nel processo di rinnovamento del parco edilizio.

Latest News