16 C
Milano
sabato 1 Ottobre 2022

IEA, domanda petrolio colpita da lockdown Cina e rallentamento area OCSE

Milano – La crescita della domanda mondiale di petrolio continua a decelerare, appesantita dai rinnovati lockdown cinesi e dal continuo rallentamento dell’area OCSE. Ciò è in parte compensato dalla sostituzione su larga scala del gas con il petrolio, stimato in una media di 700 kb/g durante il quarto trimestre del 2022 e il primo trimestre del 2023, il doppio del livello di un anno fa. Lo afferma l’IEA, l’Agenzia internazionale dell’energia, nel suo Oil Market Report mensile. Tutto ciò porta a rivedere al ribasso la stima della domanda mondiale di petrolio, che ora è vista in aumento di 2 mb/g nel 2022 e di 2,1 mb/g nel 2023.

L’IEA ha abbassato le sue previsioni per la domanda cinese di petrolio di 400.000 barili al giorno quest’anno, a 15 milioni di barili al giorno, 420.000 barili al giorno in meno rispetto allo scorso anno. Per il 2023, ha abbassato le previsioni sulla domanda in Cina di 300.000 barili al giorno, ma prevede ancora che la domanda salirà a 16 milioni di barili al giorno con l’allentamento delle restrizioni sulla pandemia.

La persistente debolezza della domanda in Cina ha rallentato considerevolmente il ritmo dell’accelerazione estiva dell’attività di raffinazione. Dopo aver raggiunto un picco post-Covid ad agosto di 81,4 mb/g, il report prevede che la produzione di raffineria diminuirà tra settembre e ottobre per la manutenzione stagionale. Con tirature inferiori, è improbabile che le scorte di prodotti raffinati vedano aumenti sostanziali per il resto dell’anno.

Viene sottolineato che le esportazioni totali di petrolio russe sono aumentate di 220 mila barili al giorno ad agosto a 7,6 mila barili al giorno, in calo di 390 mila barili al giorno rispetto ai livelli pre-conflitto. I ricavi delle esportazioni stimati sono diminuiti di 1,2 miliardi a 17,7 miliardi di dollari. Le importazioni russe di greggio nell’UE/Regno Unito sono diminuite di 880 kb/g dall’inizio dell’anno a 1,7 mb/g, mentre le importazioni dagli Stati Uniti sono aumentate di 400 kb/g a 1,6 mb/g. Anche Iraq, Norvegia, Guyana e Arabia Saudita hanno aumentato le spedizioni verso l’UE.

I futures sul petrolio greggio Brent sono scesi al di sotto di $90/bbl all’inizio di settembre, il livello più basso da gennaio e oltre $34/bbl al di sotto del picco di giugno. “Questo è il più grande calo di 90 giorni da marzo-aprile 2020 ed è stato superato solo prima del 2020 dalle disfatte del mercato nel 2014-15 e nel 2008-09 – si legge nel rapporto – Tuttavia, i mercati del diesel e del carburante per aerei rimangono eccezionalmente ristretti, come si evince dai prezzi attuali”.

Latest News