20.6 C
Milano
sabato 1 Ottobre 2022

Guerra e clima, domanda di premi assicurativi in crescita

Milano – Le tensioni geopolitiche globali, gli sviluppi macroeconomici e i cambiamenti climatici determinano un’accresciuta domanda di protezione dai rischi, con un conseguente aumento dei premi, secondo il colosso svizzero della riassicurazione Swiss Re. “Oltre agli impatti del COVID-19 e alle crescenti perdite dovute a catastrofi naturali, il settore della riassicurazione deve ora confrontarsi con problemi come l’inflazione, il rischio di recessione e le tensioni geopolitiche”, ha commentato Moses Ojeisekhoba, Chief Executive Officer di Swiss Re Reinsurance. “Poiché vediamo che i fattori di costo stanno accelerando in questo ambiente dinamico di rischio, i premi assicurativi devono essere accuratamente calibrati per tenere il passo”, ha aggiunto.

Una maggiore consapevolezza ed esposizione al rischio si tradurrà in una maggiore domanda di protezione assicurativa in tutte le aziende e le regioni, traducendosi in una prospettiva positiva per i premi. Ad esempio, Swiss Re Institute prevede un aumento di 33 miliardi di dollari dei volumi di premi commerciali nel periodo dal 2022 al 2026 a seguito del reshoring della catena di approvvigionamento. E se i paesi realizzano tutta la capacità di energia rinnovabile che hanno finora preso di mira, gli investimenti nell’energia green dovrebbero generare premi aggiuntivi relativi al settore energetico di 237 miliardi di dollari entro il 2035.

Latest News