13.8 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Germania, inflazione invariata a settembre. Beni energetici +14,3% in un anno

Il tasso di inflazione in Germania si attesta al +4,1% a settembre 2021, invariata rispetto ai due mesi precedenti. 

L’ultima volta che c’è stato un tasso di inflazione più alto è stato nel dicembre 1993 a + 4,3%. Come riporta anche l’Ufficio federale di statistica (Destatis), i prezzi al consumo sono rimasti invariati rispetto ad agosto 2021.

L’alto tasso di inflazione ha diverse ragioni, tra cui gli effetti base dei prezzi bassi nel 2020. In particolare, la temporanea riduzione delle aliquote IVA nella seconda metà del 2020 e il calo del prezzo dei prodotti petroliferi nell’anno precedente hanno aumentato l’ inflazione complessiva. Inoltre, vi sono effetti legati alla crisi, come i significativi aumenti dei prezzi sui livelli economici a monte , che finora si sono riflessi solo parzialmente o indeboliti nell’indice dei prezzi al consumo.

Prezzi dei beni energetici al +14,3%

I prezzi per le merci nel loro insieme sono aumentati di un 6,1% superiore alla media da settembre 2020 a settembre 2021. Soprattutto, i prezzi dei prodotti energetici, al +14,3%, sono stati ben al di sopra dell’inflazione complessiva. “Il tasso di aumento dei prezzi per questo è aumentato per il terzo mese consecutivo. Gli effetti di base sono stati essenziali per questo, poiché stiamo confrontando i prezzi attuali con i prezzi molto bassi dell’anno precedente. La tassa sulla CO 2 introdotta all’inizio dell’anno aumenta anche il tasso di aumento dei prezzi dei prodotti energetici “, afferma Christoph-Martin Mai, capo del dipartimento ” Prezzi al consumo ” presso l’Ufficio federale di statistica. Il gasolio (+76,5%) ei combustibili (+28,4%) sono diventati notevolmente più costosi. In aumento anche i prezzi del gas naturale (+ 5,7%) e dell’energia elettrica (+ 2,0%).

I prezzi del cibo sono aumentati al di sopra della media del 4,9 entro l’anno

Non solo i prezzi dei prodotti energetici, ma anche i prezzi degli alimentari sono aumentati di un tasso superiore alla media del +4,9% a settembre 2021 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Le verdure (+ 9,2%) così come i latticini e le uova (+ 5,5%) erano notevolmente più costose rispetto a settembre 2020. Oltre ai beni di consumo, anche i beni durevoli come veicoli (+6,4%) o mobili e illuminazione (+4,4%) sono aumentati in modo significativo.

I servizi sono aumentati del 2,5% in un anno

I prezzi per i servizi nel loro complesso sono stati del 2,5% superiori al livello dello stesso mese dell’anno scorso a settembre 2021. I canoni netti, significativi per l’elevata quota di spesa per consumi delle famiglie, sono aumentati dell’1,4%. I prezzi per la manutenzione e riparazione dei veicoli (+5,4%), i servizi sociali (+5,0%) ei servizi di ristorazione (+3,6%) sono aumentati in modo più significativo.

Prezzi complessivi stabili rispetto al mese precedente

Rispetto ad agosto 2021, l’indice dei prezzi al consumo è rimasto stabile a settembre 2021. Anche i prezzi complessivi dei generi alimentari sono rimasti invariati. I prezzi dei prodotti energetici sono aumentati complessivamente dello 0,7% rispetto al mese precedente, compresi i significativi aumenti dei prezzi del gasolio (+4,4%). In rialzo anche i prezzi di abbigliamento e scarpe (+3,8%), principalmente per il passaggio alla collezione autunno/inverno. Per contro, i prezzi dei pacchetti turistici (-9,2%) sono diminuiti al termine delle vacanze estive a causa della stagione.

Latest News

Web TV