1.7 C
Milano
venerdì, Gennaio 21, 2022

Germania, aumento prezzi produzione più alto dall’ottobre 1974: +14,2% su anno

I prezzi alla produzione in Germania sono aumentati del 14,2% a settembre 2021 rispetto a settembre 2020. Come riporta anche l’Ufficio federale di statistica (Destatis), si tratta dell’aumento più alto dall’ottobre 1974 (+14,5%) rispetto allo stesso mese di l’anno precedente, quando i prezzi erano aumentati bruscamente in connessione con la prima crisi petrolifera. Rispetto ad agosto 2021, i prezzi alla produzione commerciale sono aumentati del 2,3%.

Il motivo principale dell’aumento dei prezzi alla produzione commerciale rispetto a settembre 2020 è stato l’andamento dei prezzi dell’energia.

I prezzi dell’energia erano in media del 32,6% più alti a settembre 2021 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Rispetto al solo agosto 2021, questi prezzi sono aumentati dell’8,0%. Il gas naturale ha avuto la maggiore influenza sul tasso di variazione anno su anno dell’energia nella distribuzione con un incremento del 58,9%.

Germania, prezzi alla produzione in aumento: gas naturale ha avuto la maggiore influenza

Al netto dell’energia, i prezzi alla produzione sono aumentati dell’8,6% rispetto a settembre 2020 (+ 0,4% rispetto ad agosto 2021).

Pochissimi beni intermedi costano meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Ciò include il legno sotto forma di scaglie o trucioli (-14,7%) nonché i metalli preziosi e i semilavorati da essi derivati ​​(-7,2%). 8% da agosto 2020 ad agosto 2021). Anche i prezzi delle materie plastiche in forme primarie (+22,2%) così come dei fertilizzanti e dei composti azotati (+21,1%) hanno mostrato un forte aumento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La farina di grano costa il 9,6% in più rispetto a settembre 2020.

I prezzi dei beni durevoli sono aumentati del 3,2% a settembre 2021 rispetto a un anno prima, in particolare a causa dell’andamento dei prezzi dei mobili (+ 3,9%). I beni strumentali come macchine e veicoli costano il 2,8% in più. L’aumento dei prezzi rispetto a settembre 2020 è stato particolarmente elevato per i prodotti da costruzione in acciaio e metallo leggero (+ 13,6%), ma anche per contenitori metallici, radiatori e caldaie (+ 10,1%).

I prezzi dei beni di consumo erano a settembre 2021 superiori del 2,2% rispetto a settembre 2020 ma sono rimasti invariati rispetto ad agosto 2021. Il cibo costa il 2,8% in più rispetto all’anno precedente.

Latest News

Web TV