23.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Germania, ad agosto l’inflazione raggiunge un nuovo massimo da 13 anni

Ad agosto, l’inflazione in Germania ha accelerato a un nuovo massimo di 13 anni, sottolineando le crescenti pressioni sui prezzi mentre la più grande economia europea si riprende dalla pandemia e le aziende lottano con la carenza di approvvigionamento.

I prezzi al consumo sono aumentati del 3,4% rispetto al 3,1% di luglio, secondo i dati preliminari dell’Ufficio federale di statistica.

Gli ultimi dati suggeriscono che i salari non terranno il passo con l’inflazione anche per il resto dell’anno. Ciò significa che non ci sono ancora segnali di una spirale salari-prezzi che è vista come un prerequisito affinché l’inflazione rimanga ad un livello elevato nel medio termine.

La lettura di agosto era in linea con un sondaggio Reuters e ha segnato il dato più alto da luglio 2008, quando anche il tasso di inflazione armonizzato ha raggiunto il 3,4%.

Il tasso di inflazione nazionale (IPC) è addirittura salito al 3,9% ad agosto, toccando il massimo dal dicembre 1993, quando l’economia esplose dopo la riunificazione tedesca.

“Ciò è dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia e del cibo, mentre l’inflazione di fondo probabilmente è anche scesa leggermente dal 2,9% al 2,8%”, ha affermato l’analista di Commerzbank Ralph Solveen.

Secondo l’economista della LBBW Elmar Voelke il tasso di inflazione aumenterà ulteriormente nei prossimi mesi, indicando fattori speciali ed effetti di base derivanti da una riduzione temporanea delle aliquote IVA nella seconda metà del 2020 che ha influito sui confronti.

I recenti aumenti dei prezzi alla produzione e all’importazione potrebbero essere una prima indicazione che l’aumento dei tassi di inflazione sarà in definitiva più persistente a livello di consumo di quanto si pensasse in precedenza.

I dati diffusi lunedì hanno mostrato che l’inflazione tedesca ha superato la crescita dei salari nel secondo trimestre poiché le crescenti pressioni sui prezzi causate dalla ripresa economica e le strozzature dell’offerta nel settore manifatturiero hanno ridotto il potere d’acquisto dei consumatori.

Ad agosto, l’inflazione in Germania ha accelerato a un nuovo massimo di 13 anni, sottolineando le crescenti pressioni sui prezzi mentre la più grande economia europea si riprende dalla pandemia e le aziende lottano con la carenza di approvvigionamento.

I prezzi al consumo sono aumentati del 3,4% rispetto al 3,1% di luglio, secondo i dati preliminari dell’Ufficio federale di statistica.

Gli ultimi dati suggeriscono che i salari non terranno il passo con l’inflazione anche per il resto dell’anno. Ciò significa che non ci sono ancora segnali di una spirale salari-prezzi che è vista come un prerequisito affinché l’inflazione rimanga ad un livello elevato nel medio termine.

La lettura di agosto era in linea con un sondaggio Reuters e ha segnato il dato più alto da luglio 2008, quando anche il tasso di inflazione armonizzato ha raggiunto il 3,4%.

Il tasso di inflazione nazionale (IPC) è addirittura salito al 3,9% ad agosto, toccando il massimo dal dicembre 1993, quando l’economia esplose dopo la riunificazione tedesca.

“Ciò è dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia e del cibo, mentre l’inflazione di fondo probabilmente è anche scesa leggermente dal 2,9% al 2,8%”, ha affermato l’analista di Commerzbank Ralph Solveen.

Secondo l’economista della LBBW Elmar Voelke il tasso di inflazione aumenterà ulteriormente nei prossimi mesi, indicando fattori speciali ed effetti di base derivanti da una riduzione temporanea delle aliquote IVA nella seconda metà del 2020 che ha influito sui confronti.

I recenti aumenti dei prezzi alla produzione e all’importazione potrebbero essere una prima indicazione che l’aumento dei tassi di inflazione sarà in definitiva più persistente a livello di consumo di quanto si pensasse in precedenza.

I dati diffusi lunedì hanno mostrato che l’inflazione tedesca ha superato la crescita dei salari nel secondo trimestre poiché le crescenti pressioni sui prezzi causate dalla ripresa economica e le strozzature dell’offerta nel settore manifatturiero hanno ridotto il potere d’acquisto dei consumatori.

Latest News

I più letti