10 C
Milano
lunedì, Ottobre 18, 2021

Gas, Europa sotto scacco della Russia: calo dei prezzi dopo annuncio di Putin

Ieri pomeriggio il prezzo del gas ha iniziato a scendere, dopo settimane di forte aumento a causa della crisi del reperimento di energia in Europa.

Secondo gli analisti questa discesa sarebbe dovuta a una dichiarazione del presidente Vladimir Putin, dove avrebbe annunciato l’aumento di forniture di gas ai paesi europei. 

Ma la questione nonè così semplice come sembra.

Ieri il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato che la certificazione del gasdotto sottomarino Nord Stream 2, che aspetta l’autorizzazione da parte di un regolatore tedesco, potrebbe raffreddare l’impennata dei prezzi del gas in Europa. “Penso che ci siano due fattori che potrebbero in qualche modo raffreddare la situazione attuale. Prima di tutto, ovviamente, questo è sicuramente il completamento della certificazione e l’autorizzazione più rapida per le forniture di gas attraverso il Nord Stream 2 completato”, ha detto Novak a un riunione dei funzionari di governo e dei capi delle compagnie energetiche. Novak ha affermato che anche alcuni scambi speculativi potrebbero essere alla base dell’impennata dei prezzi del gas, che secondo lui non riflettono i fondamentali della domanda e dell’offerta.

Nord Stream 2, attualmente il gasdotto più lungo del mondo (1.230 chilometri) che scorre nel Mar Baltico dalla Russia alla Germania, è in attesa della certificazione dalla nazione tedesca, che potrebbe richiedere alcuni mesi. Il gasdotto ha incontrato la resistenza degli Stati Uniti, che affermano che il progetto aumenterà la dipendenza dell’Europa dall’energia russa.

Il presidente Vladimir Putin, che ha presieduto l’incontro, ha concordato con l’aumento proposto, aggiungendo che la Russia dovrebbe prima però soddisfare il suo fabbisogno interno di gas. Inoltre, Putin ha anche detto che l’Europa ha sbagliato a ridurre la quota di accordi a lungo termine nel commercio di gas naturale a favore del mercato spot, dove i prezzi sono aumentati. “Abbiamo parlato con la precedente formazione della Commissione europea e tutta la sua attività era finalizzata alla graduale eliminazione dei cosiddetti contratti a lungo termine”, ha affermato. “Era finalizzato alla transizione verso il commercio di gas spot. E come si è scoperto, oggi è diventato ovvio che questa pratica è un errore”.

Il gruppo russo del gas Gazprom ha resistito al movimento per individuare il commercio in Europa, preferendo accordi a lungo termine, che a volte durano circa 25 anni. Putin ha anche ribadito che la Russia è un fornitore affidabile di energia per l’Europa, che quest’anno potrebbe registrare esportazioni di gas russo record, poiché Mosca sta aumentando le forniture di gas, anche attraverso l’Ucraina, in risposta alla crisi energetica ed è pronta a stabilizzare il mercato. Ha detto che il transito del gas russo attraverso l’Ucraina è destinato a superare i volumi concordati nell’ambito del contratto di Gazprom con Kiev.

Ieri il portavoce di Putin Dmitry Peskov ha anche respinto le accuse di alcuni osservatori e funzionari europei, secondo i quali la colpa di questo rialzo dei prezzi era in gran parte attribuibile alla Russia, uno dei principali fornitori di gas per l’Europa, che non aveva aumentato in modo significativo le forniture.

“Ci sono un paio di ragioni (dietro la crisi del gas) – il modo in cui l’economia si sta riprendendo, come sta crescendo la domanda di risorse energetiche, così come gli stoccaggi di gas non sono riempiti”, ha detto Peskov ai giornalisti, il quale ha voluto ribadire che Mosca è pronta a discutere nuovi contratti a lungo termine per la vendita di gas ai consumatori europei.

Latest News

Web TV