1 C
Milano
sabato 28 Gennaio 2023

Fed, politica restrittiva ancora per tutto il 2023

Milano – “Penso che avremo bisogno di mantenere la politica restrittiva in atto per un po’ di tempo; mi aspetto che continui almeno fino al prossimo anno”. Lo ha sostenuto John Williams, presidente della Federal Reserve Bank di New York, in un intervento all’Economic Club of New York. Williams ha aggiunto che c’è “ancora molto lavoro da fare” mentre la FED continua la sua campagna di aumento dei tassi per domare l’inflazione dei prezzi. “Un ulteriore inasprimento della politica monetaria dovrebbe aiutare a ristabilire l’equilibrio tra domanda e offerta e riportare l’inflazione al 2% nei prossimi anni”, ha aggiunto Williams.

“Ad un certo punto, i tassi di interesse nominali dovranno scendere. Altrimenti i tassi di interesse reali aumenteranno e ciò significherebbe solo un inasprimento della politica sempre maggiore in termini di effetti sull’economia – ha spiegato – Vedo un punto, probabilmente nel 2024, in cui inizieremo a ridurre i tassi di interesse nominali perché l’inflazione sta scendendo e vorremmo avere tassi di interesse reali posizionati in modo appropriato”. Mentre Williams ha indicato alcuni segnali di progresso nel ridurre l’inflazione, ha affermato che i tassi di interesse devono aumentare ulteriormente. “L’inflazione è di gran lunga troppo elevata e un’inflazione persistentemente elevata compromette la capacità della nostra economia di funzionare al massimo delle sue potenzialità”.

Fa eco, da MarketWatch, il presidente della Federal Reserve of St. Louis, James Bullard: La Fed ha bisogno di aumentare ulteriormente i tassi di interesse e poi mantenerli a un livello elevato per tutto il prossimo anno, con i mercati finanziari stanno sottovalutando le possibilità che i policymaker dovranno essere più aggressivi l’anno prossimo nell’aumentare i tassi di interesse per frenare l’inflazione. “Abbiamo molta strada da fare per diventare restrittivi”, ha detto Bullard, riaffermando la sua convinzione che il tasso ufficiale della FED debba salire almeno a un intervallo compreso tra il 5,00% e il 5,25% dall’attuale livello del 3,75%-4,00% per essere “sufficientemente restrittivo” per ridurre l’inflazione. Quest’anno la FED ha alzato il suo tasso ufficiale di 375 punti base, il ritmo di inasprimento più rapido dall’inizio degli anni ’80.

Una volta raggiunto un livello sufficientemente alto, i tassi “dovrebbero rimanere lì per tutto il 2023 e fino al 2024 – dato il comportamento storico dell’inflazione, ha sottolineato Bullard -. Vogliamo tenere sotto controllo questa inflazione molto prima che negli anni ’70”, ha aggiunto, dicendo di preferire alzare il tasso ufficiale in breve tempo per creare le condizioni affinché le pressioni sui prezzi diminuiscano per tutto il prossimo anno. “C’è ancora un forte grado” di aspettative che l’inflazione scompaia naturalmente, ha detto però Bullard, con riferimento a certe aspettative sui mercati. “Il mercato del lavoro continua ad essere estremamente forte”, ha aggiunto in un altro passaggio, citando le proiezioni per l’aggiunta di 200.000 posti di lavoro nei dati in uscita venerdì.

Latest News