1 C
Milano
sabato 28 Gennaio 2023

Fed, avanti con i tassi fino alla vittoria contro l’inflazione

Milano – Mary Daly, presidente della Federal Reserve di San Francisco, crede che i tassi di interesse potranno raggiungere un intervallo compreso tra il 4,75% e il 5,25%, rispetto all’attuale intervallo target del 3,75%-4%. “Penso ancora che sia un punto di approdo ragionevole per noi prima di fermarci, e la parte di attesa è davvero importante. È una strategia di raise-to-hold”, ha detto durante un’intervista a CNBC. Daly ha affermato di vedere un punto in cui la FED sarà in grado di valutare l’impatto dei suoi aumenti prima di continuare con i rialzi, ma non è ora. “Una pausa è fuori discussione in questo momento. Non fa nemmeno parte della discussione – ha detto – In questo momento, la discussione riguarda giustamente il rallentamento del ritmo e concentrando la nostra attenzione su quale sia il livello dei tassi di interesse che finirà per essere sufficientemente restrittivo”.

La funzionaria della Federal Reserve ha anche affermato di vedere un allentamento dell’inflazione dei beni di base come una “notizia positiva” ed è incoraggiata dal generale rallentamento dell’economia. “I consumatori stanno facendo un passo indietro, stanno cambiando il modo in cui allocano la spesa. Hanno a che fare con un’inflazione elevata, ovviamente. Devono fare compromessi, rimettere a posto le cose che altrimenti otterrebbero. Ma si stanno anche preparando per un’economia più lenta”, ha detto. Daly ha affermato di aspettarsi che tassi più elevati continuino ad avere un impatto sull’economia e riportino l’inflazione in linea. “Quando li alziamo e li manteniamo, nel tempo mentre manteniamo la politica monetaria diventa più restrittiva man mano che l’inflazione scende, quindi questo è un altro fattore che dovremo considerare”, ha detto. Ha aggiunto che il suo obiettivo è ridurre l’inflazione “nel modo più efficiente e delicato possibile”.

La banca centrale statunitense ha ancora molto lavoro da fare prima di riportare l’inflazione sotto controllo, secondo James Bullard, presidente della Federal Reserve Bank of St. Louis. Le misure attuata fin qui dal Federal Open Market Committee, ovvero aumenti significativi del tasso ufficiale e un programma di riduzione del bilancio, “sembrano aver avuto solo effetti limitati sull’inflazione osservata, ma i prezzi di mercato suggeriscono che la disinflazione è prevista nel 2023”, ha detto durante un evento a Louisville. Bullard ha osservato che l’ultima dichiarazione del FOMC fa riferimento a continui aumenti del tasso ufficiale per raggiungere un livello “sufficientemente restrittivo” e ha offerto alcune considerazioni sulla questione di quale sarebbe un tasso ufficiale sufficientemente restrittivo per l’attuale contesto macroeconomico.

Usando gli standard fissati dal professore di economia di Stanford John Taylor, Bullard ha insistito sul fatto che le mosse che la FED ha fatto finora sono insufficienti. “Mentre il tasso ufficiale è aumentato notevolmente quest’anno, non ha ancora raggiunto un livello che potrebbe essere giustificato come sufficientemente restrittivo, secondo questa analisi, anche con ipotesi generose – ha affermato – Per raggiungere un livello sufficientemente restrittivo, il tasso di riferimento dovrà essere ulteriormente aumentato”. Bullard ha quindi discusso alcuni avvertimenti e problemi correlati. Uno di questi è se la zona obiettivo per il tasso ufficiale possa diminuire.

Secondo l’importante funzionario della FED, questa zona potrebbe diminuire con l’arrivo di nuovi dati, in particolare se l’inflazione diminuirà nei mesi e nei trimestri a venire. La presentazione di Bullard ha sostenuto che il 5% potrebbe fungere da fascia bassa per il range a cui i funds rate devono essere portati, e che il limite superiore potrebbe essere più vicino al 7%. Ciò è ben differente da quelle che attualmente il mercato si aspetta. La prudenza è giustificata, tuttavia, poiché sia i mercati finanziari che le proiezioni economiche del FOMC hanno previsto un calo dell’inflazione proprio dietro l’angolo negli ultimi 18 mesi, ha affermato Bullard.

Infine la posizione di Philip Jefferson, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, durante un evento su opportunità e crescita inclusiva presso la FED di Minneapolis: “La politica monetaria non può affrontare le ragioni specifiche per cui le famiglie a basso reddito risentono maggiormente dell’elevata inflazione. Ma queste ragioni aiutano a illustrare l’importanza di una bassa inflazione: una bassa inflazione è la chiave per raggiungere un’espansione lunga e sostenuta, un’economia che funzioni per tutti”. Jefferson non ha commentato direttamente gli aggressivi aumenti dei tassi di interesse della banca centrale degli Stati Uniti, ma ha specificato che “perseguire il nostro duplice mandato è il modo migliore per la Federal Reserve di promuovere una prosperità ampiamente condivisa”.

“Allo stesso tempo, è fondamentale che i responsabili delle politiche monetarie comprendano le numerose e varie condizioni che possono rendere le nostre politiche più efficaci nel promuovere la prosperità”, ha aggiunto. Nel suo intervento ha ricordato che “la ricerca ha dimostrato che i vantaggi di un’economia forte, con un’occupazione elevata e prezzi stabili, sono particolarmente significativi per i gruppi meno avvantaggiati. Questi gruppi tendono anche a vedere i maggiori guadagni in seguito in un’espansione, il che significa che beneficiano maggiormente di periodi di crescita prolungati, come l’espansione che stavamo vivendo prima della pandemia, che è stata la più lunga mai registrata”.

Latest News