11 C
Milano
lunedì, Ottobre 18, 2021

Facebook, accuse da ex pm: “Inganni al pubblico e investitori”

Frances Haugen, ex product manager di Facebook, è l’informatrice che ha fatto trapelare una serie di documenti interni dell’azienda al Wall Street Journal. Le sue rivelazioni hanno fatto precipitare la società di social media nella sua crisi più profonda dallo scandalo Cambridge Analytica.

Secondo Haugen, Facebook avrebbe mentito al pubblico, esagerando i progressi compiuti nell’affrontare l’odio, la violenza e la disinformazione sulla sua piattaforma, presentando “decine di migliaia” di pagine di documenti come prova.

“C’erano conflitti di interesse tra ciò che era buono per il pubblico e ciò che era buono per Facebook”, ha detto la signora Haugen nell’intervista durante il programma televisivo 60 Minutes. “E Facebook, più e più volte, ha scelto di ottimizzare per i propri interessi, come fare più soldi”. Tra le sue affermazioni, ha affermato che Facebook ha sciolto prematuramente il suo team di integrità civica, responsabile della protezione del processo democratico e della lotta alla disinformazione, dopo le elezioni statunitensi del 2020, che hanno contribuito all’assalto del 6 gennaio a Capitol Hill.

La piattaforma è stata presa di mira quest’anno per il suo ruolo percepito nel consentire agli autori dell’insurrezione in Campidoglio di alimentare disordini, diffondere contenuti cospirativi e organizzare l’assalto al palazzo del governo. Secondo 60 Minutes, gli avvocati della signora Haugen il mese scorso hanno presentato “almeno otto denunce” alla Securities and Exchange Commission. Questi contrastavano la ricerca interna dell’azienda con le sue affermazioni pubbliche, inclusa, ad esempio, l’affermazione dell’amministratore delegato Mark Zuckerberg secondo cui Facebook rimuove i contenuti che portano a danni nel mondo reale. Gli avvocati della sig.ra Haugen hanno indicato di aver accusato la società di aver commesso errori che hanno colpito gli investitori. “Rimaniamo fedeli alle nostre dichiarazioni pubbliche e siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda che i regolatori possano avere sul nostro lavoro”, ha dichiarato Lena Pietsch, direttore delle comunicazioni politiche di Facebook, in una dichiarazione domenica successiva alla trasmissione 60 Minutes. “Proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti”, ha aggiunto. “Dire che chiudiamo un occhio sul feedback ignora questi investimenti, comprese le 40.000 persone che lavorano per la sicurezza su Facebook e il nostro investimento di 13 miliardi di dollari (18 miliardi di dollari) dal 2016”.

Facebook era già stato all’offensiva prima della messa in onda del programma. Nick Clegg, il capo degli affari globali di Facebook, venerdì ha inviato un promemoria ai dipendenti in cui ha definito le accuse “fuorvianti”. È apparso anche sulla CNN domenica per respingere le affermazioni come “ridicole”. La responsabilità delle rivolte in Campidoglio “rimane direttamente con gli autori della violenza, e quelli in politica e altrove che li hanno incoraggiati attivamente”, ha affermato Clegg nella nota, ottenuta dal Financial Times e riportata per la prima volta dal New York Times.

Secondo il suo profilo LinkedIn, la signora Haugen, 37 anni, ha lavorato come product manager presso Facebook con sede a Menlo Park dal 2019 nel team di integrità civica. Ha lasciato l’azienda a maggio. La sua carriera ha incluso anche periodi come product manager per Pinterest, Yelp e Google, e ha fatto parte del team fondatore della prima iterazione dell’app di appuntamenti Hinge, allora chiamata Secret Agent Cupid. In un profilo pubblicato insieme al rapporto 60 Minutes, il Journal ha spiegato come la signora Haugen abbia utilizzato i sistemi interni di Facebook per vagliare i rapporti di ricerca durante le sue ultime settimane in azienda, dopo aver rassegnato le dimissioni ad aprile. In quel periodo, ha esaminato “migliaia” di documenti sul funzionamento interno della rete.

Latest News

Web TV